Norodom Suramarit

re cambogiano

Norodom Suramarit (Phnom Penh, 6 marzo 1896Phnom Penh, 3 aprile 1960) è stato un re cambogiano.

Norodom Suramarit
Norodom Suramarit.jpg
Norodom Suramarit nel 1959
Re di Cambogia
In carica 2 marzo 1955 –
3 aprile 1960
Incoronazione 5 marzo 1955
Predecessore Norodom Sihanouk
Successore Chuop Hell (come capo di Stato facente funzione)
Nascita Phnom Penh, 6 marzo 1896
Morte Phnom Penh, 3 aprile 1960 (64 anni)
Padre Norodom Sutharot
Madre Norodom Phangangam
Consorte Sisowath Kossamak
Figli Norodom Sihanouk
Religione Buddhismo Theravada

BiografiaModifica

Regnò in Cambogia dal 1955 fino alla sua morte il 3 aprile 1960. Era padre di Norodom Sihanouk e nonno dell'attuale sovrano Norodom Sihamoni; cugino del re Sisowath Monivong, ne divenne legalmente figlio dopo che sposò la di lui figlia, Sisowath Kossamak.

Ascese al trono di Cambogia nel 1955 dopo l'abdicazione del figlio Norodom Sihanouk, dato che quest'ultimo aveva deciso di diventare primo ministro; dopo la sua morte Sihanouk ne riprese il posto con il titolo di principe.[1]

Onorificenze[2]Modifica

Onorificenze cambogianeModifica

  Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale della Cambogia
— 1941

Onorificenze straniereModifica

  Commandeur dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 1939
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Verità (Birmania)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale del Vietnam (Vietnam del Sud)
  Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
  Gran Cordone dell'Ordine del Crisantemo (Giappone)
  Gran Cordone dell'Ordine del Milione di Elefanti e del Parasole Bianco (Regno del Laos)
— 1955
  Cavaliere dell'Ordine della Casata Reale di Chakri (Thailandia)
  Ordine di Suvorov di I classe (URSS)
— 11 luglio 1959

NoteModifica

  1. ^ (EN) The Struggle for Independence, su memory.loc.gov, Catalogo in linea della Biblioteca del Congresso. URL consultato il 14 luglio 2009.
  2. ^ Royal Ark, su royalark.net.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN254307508 · ISNI (EN0000 0003 7244 6346 · GND (DE1024426742 · WorldCat Identities (ENviaf-254307508