Apri il menu principale

Una nova ricorrente è un tipo particolare di nova, caratterizzata da esplosioni che si ripetono nel tempo. Si tratta di nana bianca (sigla inglese WD) sulla cui superficie si accumula periodicamente l'idrogeno proveniente da una compagna, innescando episodi di fusione nucleare. Alle novae ricorrenti viene attribuita la sigla RNe dall'inglese Recurrent Novae, a volte vengono usate anche le sigle NRA, quando la stella compagna è una gigante, e NRB, quando la compagna NON è una gigante [1].

Indice

Caratteristiche generaliModifica

Le novae sono fenomeni esplosivi che avvengono in un sistema stellare binario: la stella principale è una nana bianca su cui cade materiale proveniente dalla stella secondaria, che può essere di vari tipi. Il materiale proveniente dal lobo di Roche della stella secondaria va a costituire ed alimentare un disco di accrescimento attorno alla stella principale ad un ritmo dell'ordine del decimilionesimo di massa solare all'anno[2] e, sotto l'azione dell'intensa forza gravitazionale della nana bianca, cade episodicamente sulla superficie di quest'ultima acquisendo un'energia cinetica sufficiente a raggiungere temperature così elevate da dare origine a reazioni termonucleari sulla superficie della nana bianca, reazioni che in una stella avvengono normalmente solo nel suo nucleo.

Questo processo si può ripetere per migliaia di volte ad intervalli irregolari compresi tra 1.000 e 100.000 anni[3], ma in un ristretto numero di sistemi stellari questo processo può ripetersi ad intervalli più brevi, da alcuni anni a decine di anni: le novae che grazie a questa cadenza più frequente sono state osservate più di una volta sono chiamate novae ricorrenti. La potenza delle loro esplosioni è in media leggermente minore di quelle delle novae classiche[4]. Questa definizione di nova ricorrente è condizionata fortemente dal punto di visto antropico derivante dalle osservazioni astronomiche umane che sono necessariamente limitate nel tempo e solo molto recentemente l'astronomia ha raggiunto un livello tale da poter ipotizzare quali delle novae finora osservate possono appartenere al gruppo delle novae ricorrenti[5].

SottoclassiModifica

Le novae ricorrenti vengono suddivise in tre sottoclassi, le U Sco, le RS Oph e le T Pyxidis. Le tre sottoclassi derivano da un diverso svolgimento dell'esplosione, che varia in base a vari fattori, i principali dei quali sono costituiti dal tipo della stella secondaria, dalla sua distanza dalla primaria, dalla quantità della massa espulsa e dalla sua velocità durante l'esplosione[5][6][7][8][9].

Alle U Sco appartengono: U Sco, V394 CrA, V2487 Oph, YY Dor, LMC V1341 e LMC V3958.

Alle RS Oph appartengono: RS Oph, T CrB, V745 Sco, V3890 Sgr e M31 V1055.

Alle T Pyxidis appartengono: T Pyx, CI Aql e IM Nor.

Novae ricorrenti nella nostra galassiaModifica

La tabella seguente riporta l'elenco e le caratteristiche principali delle novae ricorrenti conosciute nella nostra galassia:

Nome
Ascensione Retta
(2000.0)
Declinazione
(2000.0)

Magnitudine apparente
al picco massimo
Magnitudine
tra due
esplosioni
Anni delle
esplosioni
Fonti
U Sco 16 H 22 M 30,80 S -17° 52' 43,2" 7,5a 17,6a 1863, 1906, 1917, 1936,
1945, 1969, 1979,
1987, 1999, 2010
[10]
T CrB 15 H 59 M 30,161 S +25° 55' 12,59" 2,5a 9,8a 1866, 1946 [10]
T Pyx 09 H 04 M 41,50 S -32° 22' 47,5" 6,4a 15,5a 1890, 1902, 1920, 1944,
1967, 2011
[10][11]
RS Oph 17 H 50 M 13,202 S -06° 42' 28,48" 4,8a 11,0a 1898, 1907, 1933, 1945,
1958, 1967, 1985, 2006
[10]
V2487 Oph 17 H 31 M 59,8 S -19° 13' 56" 9,5a 17,3a 1900, 1998 [10]
CI Aql 18 H 52 M 03,57 S -01° 28' 39,4" ≈ 8,0a 16,7a 1917, 1941, 2000 [10][12]
IM Nor 15 H 39 M 26,465 S -52° 19' 17,99" 8,5a 18,3a 1920, 2002 [10]
V745 Sco 17 H 55 M 22,27 S -33° 14' 58,5" 9,4a 18,6a 1937, 1989, 2014 [10][13]
V394 CrA 18 H 00 M 25,97 S -39° 00' 35,1" 7,2a 18,4a 1949, 1987 [10]
V3890 Sgr 18 H 30 M 43,28 S -24° 01' 08,9" 8,1a 15,5a 1962, 1990 [10]

Caratteristiche fisicheModifica

La stella primaria è in genere una nana bianca massiccia con una massa vicina al limite di Chandrasekhar, tra 1,2 e 1,4 masse solari[4]; la formazione di tale tipo di stella sarebbe favorito dalla nascita in nebulose costituite di materiale a basso indice di metallicità[5]. L'evoluzione successiva delle novae potrebbe dare origine a supernove di tipo Ia.

La tabella seguente riporta le caratteristiche fisiche delle novae ricorrenti della nostra galassia.

Nome
Sottoclasse Massa solare
della stella
principale
Tipo della
stella secondaria
Periodo
orbitale
Fonti
U Sco U Sco 1,37 Nana rossa (K2 IV) 1,23 giorni [4][5][14][15]
T CrB RS Oph 1,37 Gigante rossa (M3 III) 227,57 giorni [3][5][16][17][18]
T Pyx T Pyx ≈ 1,2 Nana rossa 0,076 giorni (1,8295 ore) [4][5][16][11]
RS Oph RS Oph 1,37 Gigante rossa (M2III) 453,6 giorni [3][5][16][17]
V2487 Oph U Sco 1,35 0,3 - 3,0 giorni [5][19]
CI Aql T Pyx 1,2 Nana rossa (K-M IV) 0,618355 giorni [4][5][12][15]
IM Nor T Pyx Nana rossa 0,1025 giorni (2,46 ore) [4][8][20]
V745 Sco RS Oph 1,35 Gigante rossa (M6 III) 510 +-20 giorni [5][16][15]
V394 CrA U Sco 1,37 Nana rossa (K) 1,51568 giorni [4][5][16]
V3890 Sgr RS Oph 1,35 Gigante rossa (M5 III) 519,7 +- 0,3 giorni [5][16][15]

Novae ricorrenti in altre galassieModifica

Alcune novae ricorrenti sono state scoperte anche in galassie vicine. I seguenti sono elenchi incompleti:

Novae ricorrenti nella Grande Nube di Magellano (LMC)Modifica

Nome
Ascensione Retta
(2000.0)
Declinazione
(2000.0)

Magnitudine
apparente al
picco massimo
Magnitudine
tra due
esplosioni
Possibile
sottoclasse di
appartenenza
Anni delle
esplosioni
Fonti
YY Dor
(LMC V4622)
05 H 56 M 42,42 S -68° 54' 34,8" 1937 10,8a
2004 10,8a
19,5a U Sco 1937 (N LMC 1937-11a)
2004 (N LMC 2004-10a)
[6][21][22][23]
LMC V1341 05 H 09 M 58,28 S -71° 39' 51,5" 1968 10,9a
1990 11,2a
2010 11,7a
2016 > 11,5a
≈ 19a U Sco ? 1968 (N LMC 1968)
1990 (N LMC 1990 b)
2010 (N LMC 2010-11a)
2016 (N LMC 2016-01a)
[24][25][26][27][28][29]
LMC V3958 05 H 40 M 44,2 S -66° 40' 11,6" 1971 13,0a
2009 10,6a
? 1971 (N LMC 1971 b)
2009 (N LMC 2009 a)
[6][30][31][32]

Novae ricorrenti della Galassia di Andromeda (M31)Modifica

Nome
Ascensione Retta
(2000.0)
Declinazione
(2000.0)

Magnitudine
apparente al
picco massimo
Magnitudine
tra due
esplosioni
Anni delle
esplosioni
Fonti
M31 V0865 00 H 42 M 38,37 S +41° 08' 45,8" 1923 17,5a
2012 17,1a
? 1923 (M31N 1923-12c)
2012 (M31N 2012-01b)
[33][34]
M31 V0964 00 H 42 M 55,63 S +41° 14' 12,5" 1953 17,7a
1960 16,9a
2013 15,2a
? 1953 (M31N 1953-11a)
1960 (M31N 1960-12a)
2013 (M31N 2013-05b)
[35][36]
M31 V0979 00 H 42 M 57,74 S +41° 08' 12,1" 1963 17,8
1968 17,3
2001 18,1
2010 17,8
2015 17,85 (R)
? 1963 (M31N 1963-09c)
1968 (M31N 1968-09a)
2001 (M31N 2001-07b)
2010 (M31N 2010-10e)
2015 (M31N 2015-10c)
[37][38][39][40]
M31 V1055 00 H 43 M 19,49 S +41° 13' 45,9" 1969 16,4a
2007 16,1a
? 1969 (M31N 1969-08a)
2007 (M31N 2007-12b)
[36][41][42]
M31N 1997-11k 00 H 42 M 39,59 S +41° 09' 04,0" 1997 ?
2001 18,7a
2009 18,3a
? 1997 (M31N 1997-11k)
2001 (M31N 2001-12b)
2009 (M31N 2009-11b)
[45]

Possibili novae ricorrenti della nostra galassiaModifica

Per le loro caratteristiche alcune novae, di cui si è finora osservata una sola esplosione, sono ritenute essere possibili novae ricorrenti[41]:

Nome
Ascensione Retta
(2000.0)
Declinazione
(2000.0)

Magnitudine
apparente al
picco massimo
Magnitudine
tra due
esplosioni
Possibile
sottoclasse di
appartenenza
Anno
dell'esplosione
Fonti
V0529 Ori 05 H 58 M 20,14 S +20° 15' 45,4" ? (1667)
6a (1678)
1667
1678
[46]
DI Lac 22 H 35 M 48,48 S +52° 42' 59,7" 14,7a 1910 [15][47]
EU Sct 18 H 56 M 13,12 S -04° 12' 32,3" 8,4a 1949 [15][48]
V1172 Sgr 17 H 50 M 23,66 S -20° 40' 29,9" 9,0a RS Oph ? 1951 [49][50]
V3645 Sgr 18 H 35 M 49,31 S -18° 41' 44,3" 13,4a 1970 [51][52]
V4444 Sgr 18 H 07 M 36,20 S -27° 20' 13,2" 8,6a 1999 [53]
V2491 Cyg 19 H 43 M 01,96 S +32° 19' 13,8" 7,7a ≈ 18a U Sco 2008 [4][42][54][55]
V1721 Aql 19 H 06 M 28,58 S +07° 06' 44,3" 14,0a U Sco 2008 [56][49]
V2672 Oph 17 H 38 M 19,72 S -26° 44' 13,7" 10,0a U Sco 2009 [6]
KT Eri 04 H 47 M 54,21 S -10° 10' 43,1" 8,1a 14,8a U Sco 2011 [6][41][57][58]

NoteModifica

  1. ^ (EN) A catalog and Atlas of Cataclysmic Variables, Ronald Downes, et. al.
  2. ^ (EN) K. Matsumoto, M. Uemura, T. Kato, S. Kiyota, K. Ayani, T. Kawabata, Lukáš Král, T. Havlík, M. Kolasa, R. Novák e Gianluca Masi, Detailed optical behavior of the 2000 outburst of the eclipsing recurrent nova CI Aquilae, Astronomy & Astrophysics, vol. 378, pag. 487-494, 2001
  3. ^ a b c (EN) The Outbursts of Classical and Recurrent Novae
  4. ^ a b c d e f g h (EN) V2491 Cyg - a possible recurrent nova ?
  5. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Recurrent Novae, Classical Novae, Symbiotic Novae, and Population II Novae
  6. ^ a b c d e (EN) Lesson learned from (some) recurrent novae
  7. ^ (EN) T. E. Harrison, J. J.Johnson, J.Spyromilio, Infrared observations of the recurrent novae V745 SCO and V3890 SGR, Astronomical Journal, vol. 105, n. 1, pag. 320-330, gennaio 1993
  8. ^ a b (EN) Recurrent Nova IM Normae
  9. ^ (EN) Swift Observations of Extragalactic Recurrent Novae Archiviato il 7 novembre 2013 in Internet Archive.
  10. ^ a b c d e f g h i j (EN) Comprehensive Photometric Histories of All Known Galactic Recurrent Novae, pag. 130
  11. ^ a b (EN) The mystery of TPyx; the 2011 explosion
  12. ^ a b (EN) K. Matsumoto, M. Uemura, T. Kato, S. Kiyota, K. Ayani, T. Kawabata, Lukáš Král, T. Havlík, M. Kolasa, R. Novák e Gianluca Masi, Detailed optical behavior of the 2000 outburst of the eclipsing recurrent nova CI Aquilae, Astronomy & Astrophysics, vol. 378, pag. 487-494, 2001
  13. ^ (EN) Fermi-LAT Gamma-ray Observations of Recurrent Nova V745 Sco
  14. ^ (EN) K. Sekiguchi, Recurrent Novae, Astrophysics and Space Science, vol. 230, n. 1-2, pag. 75-82
  15. ^ a b c d e f (EN) ON THE PROGENITORS OF GALACTIC NOVAE
  16. ^ a b c d e f (EN) Orbital Periods For Three Recurrent Novae
  17. ^ a b (EN) T. E. Harrison, J. J.Johnson, J.Spyromilio, Infrared observations of the recurrent novae V745 SCO and V3890 SGR, Astronomical Journal, vol. 105, n. 1, pag. 320-330, gennaio 1993
  18. ^ (EN) Outbursts of the recurrent nova T Coronae Borealis
  19. ^ (EN) Izumi Hachisu, Mariko Kato, Taichi Kato e Katsura Matsumoto, V2487 Ophiuchi: A strong candidate for a recurrent nova and a progenitor of Type Ia supernova
  20. ^ (EN) Chandra observations of the recurrent nova IM Nor
  21. ^ (EN) IAUC 8422: Poss. N LMC; 2004ex, 2004fc
  22. ^ (EN) IAUC 8424: N LMC 2004
  23. ^ (EN) YY Dor
  24. ^ (EN) Steven N. Shore, George Sonneborn, Sumner G. Starrfield, M. Hamuy, R. E. Williams, A. Cassatella, H. Drechsel, Multiwavelength observations of Nova LMC 1990 Number 2 - The first extragalactic recurrent nova, Astrophysical Journal, parte 1, vol. 370, 20 marzo 1991, pag. 193-197
  25. ^ (EN) LMC V1341
  26. ^ (EN) K. Sekiguchi, J. A. R. Caldwell, R. S. Stobie, D. A. H. Buckley, Recurrent nova in the Large Magellanic Cloud - Nova LMC 1990 No. 2, Monthly Notices of the Royal Astronomical Society), vol. 245, 15 luglio 1990, pag. 28-30
  27. ^ (EN) IAUC 4964: N LMC 1990 No. 2; N LMC 1990 No. 1; 1990a
  28. ^ (EN) Recurrent and symbiotic novae in the OGLE data
  29. ^ (EN) OGLE-2016-NOVA-01: the 2016 eruption of recurrent nova LMCN 1968-12a
  30. ^ (EN) N LMC 2009
  31. ^ (EN) (vsnet-alert 11058) re Nova LMC 2009 = possible recurrent nova in the LMC - astrometry needed
  32. ^ (EN) Tavola delle nove in LMC
  33. ^ (EN) M31N 1923-12c is a recurrent nova in M31
  34. ^ (EN) CBAT "Transient Object Followup Reports" PNV J00423804+4108417
  35. ^ (EN) CBAT "Transient Object Followup Reports" PNV J00425563+4114125
  36. ^ a b (EN) M 31 (apparent) optical nova catalogue
  37. ^ (EN) M31N 1963-09c - Fourth recorded outburst of a recurrent nova in M 31 or a foreground U Gem system?
  38. ^ (EN) PNV J00425773+4108123 is the 2015 Eruption of Recurrent Nova M31N 1963-09c
  39. ^ (EN) Swift UVOT detection of the recurrent nova M31N 1963-09c during the 2015 eruption
  40. ^ (EN) Multicolor Optical Photometry of the 2015 Eruption of Recurrent Nova M31N 1963-09c
  41. ^ a b c (EN) The Galactic Nova (Progenitor) Population Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive.
  42. ^ a b (EN) OPTICAL AND X-RAY OBSERVATIONS OF M31N 2007-12b: AN EXTRAGALACTIC RECURRENT NOVA WITH A DETECTED PROGENITOR?
  43. ^ (EN) M31N 1997-11k - a very fast recurrent nova in M31 or a foreground CV?
  44. ^ (EN) Optical Novae and candidates in M 31
  45. ^ (EN) CBET 2105 POSSIBLE RECURRENT NOVA IN M31: M31N 2009-11b
  46. ^ (EN) V0529 Ori
  47. ^ (EN) Long-term optical and X-ray observations of the old novae DI Lacertae and V841 Ophiuchi
  48. ^ (EN) Patrick A. Woudt e Brian Warner, High-speed photometry of faint cataclysmic variables - III. V842 Cen, BY Cir, DD Cir, TV Crv, V655 CrA, CP Cru, V794 Oph, V992 Sco, EU Sct and V373 Sct, Monthly Notice of the Royal Astronomical Society, vol. 340, n. 3, pag. 1011-1019, aprile 2003
  49. ^ a b (EN) A very luminous, highly extinguished, very fast nova - V1721 Aquilae
  50. ^ (EN) CBAT List of Novae in the Milky Way
  51. ^ (EN) A. Weight, A. Evans, T. Naylor, J. H. Wood, M. F. Bode, Nova Secondary Stars Mass Transfer Rates and Distances, Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 266, n. 3, pag. 761, febbraio 1994
  52. ^ (EN) Ataollah Sarajedini, Information on Six Novae in Sagittarius, Information Bulletin on Variable Stars, n. 2587, 17 settembre 1984
  53. ^ (EN) T. Kato, H. Yamaoka e S. Kiyota, On the Possibility of V4444 Sgr as a Recurrent Nova, Publications of the Astronomical Society of Japan, vol.56, pag. S83-S87, 2004
  54. ^ (EN) V2491 Cyg
  55. ^ (EN) An extensive optical study of V2491 Cyg (Nova Cyg 2008 N.2), from maximum brightness to return to quiescence
  56. ^ (EN) V1721 Aql
  57. ^ (EN) Historical light curve and search for previous outbursts of Nova KT Eridani (2009)
  58. ^ (EN) Observational Report on the Classical Nova KT Eridani

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni