Apri il menu principale

OZNA

Branca dei servizi segreti militari jugoslavi
Одељење за заштиту нaрода
(Odeljenje za Zaštitu Naroda)
(Dipartimento per la Sicurezza del Popolo)
R50-yo0354-Oznaka pripadnosti zrakoplova.png
Stemma dell'OZNA
Descrizione generale
Attiva13 marzo 1944 - 1952
NazioneJugoslavia Jugoslavia
TipoServizio segreto
RuoloControspionaggio
Polizia politica
Sicurezza interna
SedeBelgrado
Comandanti
Degni di notamaresciallo Josip Broz Tito
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Odeljenje za Zaštitu NAroda, (OZNA) (in cirillico Одељење за заштиту нaрода, ОЗНА) Dipartimento per la Sicurezza del Popolo, in sigla OZNA, o Oddelek za zaščito naroda (letteralmente Dipartimento per la protezione del popolo), era parte dei servizi segreti militari jugoslavi. Era organizzata in quattro dipartimenti, cui più tardi se ne aggiunse un quinto:

  • spionaggio, diretta da Maks Baće Milić
  • controspionaggio, diretta da Pavle Pekić
  • sicurezza militare, diretta da Jeftimije (o Jefto) Sasić
  • tecnica/statistica, diretta da Mijat Vuletić

Il quinto comprendeva il controspionaggio contro le reti straniere in Jugoslavia, ma fu assorbita nel 1946 dal secondo, quando questo divenne indipendente come controspionaggio esclusivamente militare.

Fu organizzata da Tito e Milovan Gilas, nei cui scritti si trova

«Gli jugoslavi non titubarono nell'organizzare una difesa: all'interno del Paese venne repressa brutalmente qualsiasi voce di dissenso, la polizia segreta Ozna controllava ogni aspetto della vita sociale, alla ricerca dei "traditori"»

Tito organizzò anche una forza di polizia segreta, l'Amministrazione di Sicurezza dello Stato (Uprava državne bezbednosti/sigurnosti/varnosti, UDBA). Sia l'UDBA sia l'OZNA furono incaricati, tra le altre cose, di ricercare, imprigionare e processare un largo numero di collaborazionisti. Essi inclusero anche preti cattolici, a causa del coinvolgimento del clero cattolico croato con il regime ustascia durante la guerra.

Tra le vittime dell'OZNA il generale Draža Mihailović che il 13 marzo 1946 venne catturato e quindi fucilato il 18 luglio.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN306435326 · LCCN (ENn2017075723
  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra