Apri il menu principale
Cicerone

O tempora, o mores, locuzione latina, è una frase di Cicerone, dal quarto libro della sua seconda orazione contro Verre (capitolo 25) e dalla Prima orazione contro Catilina. Si traduce letteralmente con Che tempi! Che costumi![1]

La frase viene spesso riportata con il punto esclamativo (O tempora! O mores!), ma rispetto alla forma originale è inesatta in quanto il punto esclamativo è stato introdotto solo nel Medioevo e non era utilizzato dai latini.

Nel suo discorso di apertura contro Catilina, Cicerone deplora la perfidia e la corruzione dei suoi tempi. Egli è frustrato dal fatto che, nonostante tutte le prove addotte contro Catilina, che stava cospirando per rovesciare il governo romano e assassinare Cicerone stesso, e nonostante il fatto che il Senato avesse dato il Senatus consultum ultimum, Catilina non era ancora stato giustiziato. Cicerone continua descrivendo i vari episodi della storia romana in cui dei consoli hanno ucciso dei cospiratori con prove minori, a volte - nel caso dell'ex console Lucio Opimio, uccisore di Gaio Gracco (uno dei fratelli Gracchi) - sulla base del solo "quasdam seditionum suspiciones", sospetto di insurrezione (sezione 2, Linea 3).

Questa frase è ora usata anche, ma non solo, nella lingua italiana[2], per criticare usi e costumi del presente, per lo più in tono ironico o sarcastico.[3]

NoteModifica

  1. ^ Cicerone, In L. Catilinam orationes, I, 2; Actionis in C. Verrem secundae, IV, 55. Marziale, IX, 70.
  2. ^ Libri e articoli da Worldcat
  3. ^ O tempora, o mores, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 15 marzo 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina