Apri il menu principale
Officine Meccaniche Lodigiane
Piazza Staz Genova tram 1500.JPG
Un esemplare di tram ATM serie 1500 prodotto dall'azienda lodigiana
StatoItalia Italia
Fondazione1908 a Lodi
Fondata da
  • Cesare Castellotti
  • Bassiano Folli
  • Melchiorre Sordi[1]
Chiusuraanni 1960 per fallimento
Sede principaleLodi
Settoremetalmeccanico
Prodottitram, treni
Dipendenti400 circa (anni 1930[1])

Le Officine Meccaniche Lodigiane (IPA: [offiˈʧine mekˈkanike lodiˈʤane]), note anche con la sigla OML, furono un'azienda metalmeccanica con sede a Lodi, operativa fra il 1908 e gli anni sessanta[2][3].

Annoverata fra le maggiori imprese dell'emergente industria meccanica italiana del primo Novecento, l'azienda era specializzata nella costruzione e nella manutenzione di carrozze ferroviarie e vetture tranviarie[1][4]. Lo stabilimento si trovava a Lodi nella zona della «Camolina», fra via Lodivecchio e i binari della ferrovia Milano-Bologna[4][5].

Indice

StoriaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Berbenni, p. 168.
  2. ^ Una lieta notizia – Una nuova industria a Lodi, in Corriere dell'Adda, 6 dicembre 1908.
  3. ^ Angelo Stroppa, Le risorse, Provincia di Lodi. URL consultato il 10 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2012).
  4. ^ a b Cerri, p. 221.
  5. ^ Polignano, p. 26.

BibliografiaModifica

  • Agenore Bassi, Storia di Lodi, Lodi, Edizioni Lodigraf, 1977, ISBN 88-7121-018-2.
  • Enrico Berbenni, Élite e istituzioni nel Lodigiano tra Otto e Novecento, in Pietro Cafaro (a cura di), Ambizioni e reputazioni. Élite nel Lodigiano tra età moderna e contemporanea, Milano, FrancoAngeli, 2013, ISBN 978-88-568-4972-1.
  • Margherita Cerri, Lodi operaia, in Ercole Ongaro (a cura di), Il Lodigiano nel Novecento. La cultura, Milano, FrancoAngeli, 2006, ISBN 978-88-464-7142-0.
  • Biagio Polignano, C'era una volta la «Camolina». Storia e racconti di un rione e della sua fabbrica, Lodi, Sollicitudo, 2000, ISBN non esistente.

Altri progettiModifica