Apri il menu principale

L'optoelettronica è la branca dell'elettronica che studia i dispositivi elettronici che interagiscono con la luce e le loro applicazioni, facendo da interfaccia tra il dominio elettrico e quello ottico e viceversa; in questa definizione il termine luce va inteso in senso lato includendo radiazioni elettromagnetiche non percepibili all'occhio umano come raggi gamma, raggi X, radiazione ultravioletta e radiazione infrarossa. In genere l'optoelettronica è considerata una branca della fotonica.

Indice

DescrizioneModifica

La optoelettronica si basa su effetti che la luce esercita su materiali semiconduttori, spesso in presenza di opportuni campi elettrici, che possono essere spiegati solo con la meccanica quantistica.

ApparecchiatureModifica

Le apparecchiature optoelettroniche si classificano in:

  • trasduttori di segnali elettrici in segnali ottici;
  • trasduttori di segnali ottici in elettrici;
  • strumenti che incorporano i suddetti dispositivi per realizzare le proprie funzionalità.

Spesso si usa erroneamente come suo sinonimo elettro-ottica; questo termine in effetti va usato per denotare la branca più estesa della fisica che si occupa di tutte le interazioni tra luce e campi elettrici, non limitandosi a quelle che si realizzano all'interno di un dispositivo elettronico.

ApplicazioniModifica

Tra le più importanti applicazioni della optoelettronica vanno ricordati:

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Elettromagnetismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di elettromagnetismo