Apri il menu principale

Paleozoologia

disciplina paleontologica che studia gli animali estinti

La paleozoologia[1] (dal greco palaios, "antico", zoon, "animale" e logos, "discorso") è il ramo della paleontologia[1], paleobiologia[2], o zoologia[3] che si occupa del recupero e dell'identificazione di resti di animali multicellulari da quelli geologici (o addirittura archeologici) contesti e l'uso di questi fossili nella ricostruzione di ambienti preistorici e antichi ecosistemi.

I resti definitivi e macroscopici di questi metazoi si trovano nei reperti fossili del periodo Ediacarano[4] in epoca neoproterozoica in poi, sebbene non divengano comuni fino al tardo periodo Devoniano[5][6] nella seconda metà del Paleozoico[7].

Indice

NoteModifica

  1. ^ a b Sapere.it, Cosa studia la paleontologia? - Sapere.it, su www.sapere.it. URL consultato il 1º maggio 2018.
  2. ^ paleobiologìa in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 1º maggio 2018.
  3. ^ Viva la Scuola | Appunti di zoologia, in Viva la Scuola. URL consultato il 1º maggio 2018.
  4. ^ Gruppo Avis Mineralogia Paleontologia Scandicci, Ediacarano - Dizionario - Gamps.it, su www.gamps.it. URL consultato il 1º maggio 2018.
  5. ^ Devoniano nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 1º maggio 2018.
  6. ^ Animali del Devoniano, su www.geometriefluide.com. URL consultato il 1º maggio 2018.
  7. ^ Era Primaria o Paleozoica, su www.fmboschetto.it. URL consultato il 1º maggio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4044380-2
  Portale Paleontologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di paleontologia