Apri il menu principale

Paolo Soratini (Lonato, 12 ottobre 1682Ravenna, 1762) è stato un architetto e religioso italiano.

Facciata della chiesa parrocchiale di Medole

BiografiaModifica

Architetto e monaco camaldolese, assunse il nome di frate Giuseppe Antonio, quando prese i voti a 21 anni, risiedendo nel convento di Ravenna.

Visse per molti anni tra Ravenna e Roma, dove studiò le opere di molti suoi famosi contemporanei, quali Gian Lorenzo Bernini e Luigi Vanvitelli, ma fu soprattutto Filippo Juvara a formarne la personalità artistica. Suo diretto maestro fu l'architetto Giuseppe Sardi.

La sua fama si diffuse presto in tutta Italia, lasciando egli stesso un elenco di opere eseguite o progettate in oltre quaranta località.

A Ravenna progettò una villa sul mare per i frati Camaldolesi e la famosa sala della Biblioteca Classense. Diversi lavori fece anche nel bresciano, primi fra tutti la chiesa parrocchiale di Santa Maria Annunciata di Isorella costruita nel 1703-07. Ma sua è anche la Basilica di Lonato, iniziata nel 1738 e terminata nel 1780, la facciata della parrocchiale di Calcinatello, il campanile di Carpenedolo, la ristrutturazione della Chiesa di Calvisano, della parrocchiale di Montichiari e della parrocchiale di Medole, nel 1750.

Gli è stato anche attribuito il progetto della Chiesa di Santa Maria della Visitazione, o Chiesa del Suffragio, a Forlì, in alternativa all'assegnazione tradizionale a Giuseppe Merenda.

Nelle Marche progettò e realizzò, dopo il terremoto del 1741, la ricostruzione della Chiesa dei Santi Biagio e Romualdo a Fabriano, il rifacimento della chiesa di S. Francesco a Montelupone nel 1745 e l'edificio Barco Ducale ad Urbania.

BibliografiaModifica

  • AA. VV. Paolo Soratini architetto lonatese, Brescia, Grafo Ed., 1982
  • Nullo Pirazzoli, Una cronaca d'architettura di Giuseppe Antonio Soratini in Il Settecento a Ravenna e nelle Legazioni (a cura di D. Berardi, P. Fabbri, C. Giovannini, N. Pirazzoli), Faenza, Faenza Editrice, 1977
  • Nullo Pirazzoli, Documenti per l'attribuzione della fabbrica settecentesca di S. Gregorio al Celio a Roma, Ravenna, STEAR, 1980
Controllo di autoritàVIAF (EN42900973 · ISNI (EN0000 0001 1760 3113 · LCCN (ENn83019294 · GND (DE128872047 · ULAN (EN500005559 · CERL cnp00515380 · WorldCat Identities (ENn83-019294
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie