Apri il menu principale

Passion Flower

film del 1930 diretto da William C. deMille
Passion Flower
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1930
Durata79 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,20:1
Generedrammatico
RegiaWilliam C. de Mille
Soggettodal romanzo Passion Flower (1930) di Kathleen Norris[1]
SceneggiaturaMartin Flavin (adattamento e dialogo)
L.E. Johnson e Edith Fitzgerald (dialoghi addizionali)
ProduttoreWilliam C. de Mille (non accreditato)
Casa di produzioneA William deMille Production e Metro-Goldwyn-Mayer
Distribuzione in italianoMetro-Goldwyn-Mayer
FotografiaHal Rosson (Harold Rosson)
MontaggioConrad A. Nervig
ScenografiaCedric Gibbons
CostumiAdrian
Interpreti e personaggi

Passion Flower è un film drammatico del 1930 diretto da William C. de Mille.

Il soggetto, basato sul romanzo Passion Flower di Kathleen Norris, fu adattato per lo schermo da Martin Flavin. Prima della pubblicazione in libro, il romanzo uscì a puntate da marzo a settembre 1929 su Delineator[1].

Indice

TramaModifica

Dulce e Cassy sono cugine: la prima sposa il ricco Morado, un aristocratico spagnolo; la seconda si innamora dell'autista di famiglia e, per questo, viene cacciata di casa. Cassy e Dan, per il loro matrimonio, vengono ospitati nella tenuta di Morado che offre al cugino acquisito una fattoria come regalo di nozze. Dan, però, orgogliosamente rifiuta, preferendo farsi strada nella vita da solo. Ma il tempo passa e, cinque anni dopo, Dan non è riuscito a trovare nessun altro lavoro se non fare lo scaricatore. Cassy, che adesso deve allevare i loro due bambini, è sempre amorevole e fedele. Alla fine, Dan decide di accettare l'offerta di Morado e si trasferisce nella fattoria insieme alla famiglia. Ma, frequentando Dulce, Dan finisce suo malgrado per innamorarsi della cugina. Morado muore lasciando vedova Dulce: i due amanti partono insieme per Parigi. Dan vuole divorziare da Cassy per potersi risposare. Ma la coscienza gli rimorde e, alla fine, deciderà di tornare pentito dalla moglie.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)

DistribuzioneModifica

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), uscì nelle sale statunitensi il 6 dicembre 1930.

NoteModifica

  1. ^ a b AFI

BibliografiaModifica

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • Paolo Cherchi Usai e Lorenzo Codelli (a cura di), L'eredità DeMille, Edizioni Biblioteca dell'Immagine, Pordenone 1991

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema