Apri il menu principale

Le pene accessorie, nel diritto penale, sono delle pene previste per accompagnare le pene principali, comminate come conseguenza della commissione di un reato.

CaratteristicheModifica

La caratteristica principale è appunto l'accessorietà: queste pene infatti non possono essere comminate da sole ma possono solo accompagnare. I loro scopi sono appunto quelli di colpire determinati rei che a causa della loro condotta penalmente rilevante si ritiene non siano più in grado, o meglio non debbano più, ricoprire certi ruoli o esercitare determinati diritti che per le loro caratteristiche richiedono uno standard di sicurezza elevato.

Nel mondoModifica

ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Pena accessoria (ordinamento italiano).

Le pene accessorie sono previste dall'articolo 19 del codice penale italiano e sono distinte quelle previste per i delitti da quelle previste per le contravvenzioni.

Pene accessorie previste da altri rami dell'ordinamento sono:

  • Normativa tributaria: cancellazione dagli albi dei costruttori e dei fornitori della pubblica amministrazione.
  • Legge fallimentare: inabilitazione all'esercizio di un'impresa commerciale
  • Legge 24/11/81:divieto di emettere assegni bancari o postali
  • Legge sugli stupefacenti: divieto di espatrio per un periodo non superiore ai 3 anni.
  • Art. 6, comma 7, L. 13 dicembre 1989 n. 401: divieto di accedere ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive con obbligo di presentazione alla P.G. per un periodo da due a otto anni.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto