Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Perito industriale.

Nell'attuale sistema scolastico italiano, il corso di perito industriale dell'istruzione tecnica si articola in un biennio comune ed un successivo triennio di specializzazione. Tra questi vi è il perito industriale per l'industria ottica.[1]

Profilo professionaleModifica

Il corso per conseguire il diploma di perito industriale per l'industria ottica fornisce nozioni per poter essere in grado di trova occupazione nei seguenti settori: produzione e lavorazione del vetro di ottica; progettazione, calcolo e disegno di strumenti ottici di ogni tipo; fotografia scientifica ed industriale; tecnica della illuminazione e fotometria in genere; montaggio, collaudo ed uso pratico degli strumenti ottici di osservazione, di misura e di controllo per industrie di ogni tipo; laboratori di ricerche e di oculistica; attività tecnico commerciali nelle industrie del ramo. Egli deve pertanto possedere una buona cultura generale e conoscenze teoriche e pratiche notevoli sugli strumenti ottici e sulla tecnologia del vetro nonché nozioni di meccanica, di elettrotecnica, di fisica e chimica applicata. Il perito industriale per l'industria ottica può esercitare la professione libera, nei limiti consentiti dalle disposizioni vigenti, e può anche assumere la funzione di insegnante tecnico-pratico nei laboratori e nei reparti di lavorazione delle scuole e degli istituti di istruzione tecnica e professionale e nei corsi per lavoratori dell'industria. Per il raggiungimento della preparazione necessaria all'esercizio delle attività professionali sopra indicate, il piano degli studi è stato formulato in modo da distribuire opportunamente, nel triennio, orari e programmi relativi alle particolari materie della specializzazione.[2]

MaterieModifica

III ANNO:

Religione o attività alternative, Lingua e lettere italiane, Storia, Complementi tecnici di lingua straniera, Matematica, Chimica, Fisica applicata, Ottica, Meccanica e tecnologia, Disegno tecnico, Esercitazioni nei reparti di lavorazione, Educazione fisica.

IV ANNO:

Religione o attività alternative, Lingua e lettere italiane, Storia, Matematica, Elettrotecnica, Ottica, Strumenti ottici, tecnologia del vetro e laboratorio, Meccanica e tecnologia, Disegno tecnico, Esercitazioni nei reparti di lavorazione, Educazione fisica.

V ANNO:

Religione o attività alternative, Lingua e lettere italiane, Storia, Elementi di diritto e di economia, Ottica, Strumenti ottici, tecnologia del vetro e laboratorio, Disegno tecnico, Esercitazioni nei reparti di lavorazione, Educazione fisica.[2]

NoteModifica