Apri il menu principale

Peter de Witte (Anversa, 1617Anversa, 1667) è stato un pittore fiammingo del periodo barocco.

BiografiaModifica

Secondo il biografo olandese Arnold Houbraken, il pittore di nome Peter de Wit era degno di inserito nel suo De groote schouburgh der Nederlantsche konstschilders en schilderessen (Il grande teatro dei pittori olandesi) (1718), con un frammento di poesia su de Wit di Cornelis de Bie che lo menzionò tra i talenti del paesaggio.[1][2]

De Witte era il figlio illegittimo di Pieter de Witte II e fratello di Gaspar de Witte e di Jan Baptist.[3] Dopo aver imparato a dipingere paesaggi da suo padre, viaggiò in Italia, e al suo ritorno divenne membro di Anversa della Corporazione di San Luca nel 1646.[3] Philips Bonnecroy fu un suo allievo.[3] Nessuna opera gli è stata attribuita in modo specifico, sebbene la poesia di de Bie menzioni vari uccelli e un'illustrazione di un uccello che decora la pagina del libro con la poesia.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Het Gulden Cabinet, p 393
  2. ^ (NL) Peter de Wit di Anversa in De groote schouburgh der Nederlantsche konstschilders en schilderessen (1718) di Arnold Houbraken, cortesia di Digital Library for Dutch Literature
  3. ^ a b c Peter de Witte in RKD

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96304242 · ULAN (EN500086138