Pipe (pallavolo)

Nel mondo della pallavolo con il termine pipe si indica un particolare colpo usato prevalentemente nella pallavolo professionistica, a causa della sua difficoltà di esecuzione.

Le zone del campo

EsecuzioneModifica

La Pipe prevede che il palleggiatore, invece di alzare per l'opposto posizionato in posto 1 o 2, o per la banda in posto 4, o per il centrale in posto 3, alzi la palla al limite della linea dei 3 metri. Uno degli schiacciatori si sposta in zona 6 e attacca la palla dal centro dietro la seconda linea. Lo schiacciatore deve fare molta attenzione a non calpestare la linea d'attacco o l'area all'interno di questa prima dello stacco se non vuole commettere fallo, può però oltrepassare la linea in volo (la regola è quella dell'attacco da seconda linea) e atterrare oltre questa.

VariantiModifica

Nessuna.

PregiModifica

Questo colpo è una forma di attacco difficilmente prevedibile e consente allo schiacciatore di attaccare dal centro, avendo quindi tutte le traiettorie disponibili. Inoltre, se a questo colpo si aggiunge una finta di primo tempo del centrale di prima linea, si riesce a mandare controtempo il muro, che scende mentre lo schiacciatore colpisce, aumentando quindi le possibilità di successo.

DifettiModifica

Pur essendo un colpo imprevedibile, questo deve essere chiamato in anticipo dal palleggiatore (solitamente tramite dei gesti con le mani dietro la schiena), e può succedere che un avversario riesca a intuire lo schema. Inoltre, data la natura del colpo, il muro ha più tempo a disposizione per piazzarsi e questo consente la disposizione del muro a 3 giocatori, più difficile da superare.

Oltre ai difetti tattici, questo colpo presenta anche dei difetti tecnici, vale a dire la difficoltà propria del colpo: essendo un attacco arretrato, si richiede una grandissima elevazione e forza. Inoltre il rischio di mandare la palla in rete o fuori dal campo è alto, perché, a differenza della schiacciata normale, basta un minimo errore di posizione e movimento del polso per allungare troppo o troppo poco il colpo. Per questi motivi, questo colpo viene eseguito in genere dallo schiacciatore più bravo ed esperto della squadra.

CuriositàModifica

Il nome del colpo deriva dall'inglese "pipe", che tradotto alla lettera significa "tubo". L'etimo è incerto: possibile la contrazione di pipe-dream che vuol dire progetto irrealizzabile[1] oppure dal verbo "to pip", cioè "colpire con una fucilata".

NoteModifica

  1. ^ |Ragazzini - Dizionario Inglese-Italiano Italiano-Inglese - Ed. Zanichelli | 1995-96 terza edizione - pag.762

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pallavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallavolo