Apri il menu principale

Po-i-Kalyan

complesso religioso a Bukhara, Uzbekistan
Po-i-Kalyan
View of Po-i-Kalyan.jpg
Corte del Po-i-Kalyan, con la madrasa e il minareto.
StatoUzbekistan Uzbekistan
RegioneBukhara
LocalitàBukhara
ReligioneIslam
FondatoreArslan-Khan
Completamento1121

Coordinate: 39°46′33.6″N 64°24′51.28″E / 39.776001°N 64.414244°E39.776001; 64.414244

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di Bukhara
(EN) Historic Centre of Bukhara
Bokhara1909.jpg
TipoCulturali
Criterio(ii) (iv) (vi)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1993
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Po-i-Kalyan o Poi Kalyan (in uzbeco: Poi Kalon?, in persiano: پای کلان‎‎ Pā-i Kalān, che significa "Ai piedi della Grande"), è un complesso religioso islamico situato intorno al minareto Kalyan a Bukhara, in Uzbekistan.

Indice

StoriaModifica

Il complesso è situato nella parte storica della città. Dal 713, diversi complessi di moschee principali sono stati costruiti in questa zona, a sud della cittadella dell'Ark. Uno di questi complessi, incendiato da Gengis Khan durante l'assedio di Bukhara, è stato costruito nel 1121 dal sovrano karakhanide Arslan-Khan. Il minareto Kalyan è l'unica delle strutture del complesso antico, che sopravvisse all'assedio.

Il complessoModifica

Il luogo in cui si trova il complesso Po-i-Kalyan è lo stesso sito di alcuni preesistenti edifici, completamente in rovina all'epoca della costruzione. In epoca pre-islamica vi era un tempio zoroastriano. Dal 713 qui, presso il sito a sud dell'Ark, diversi edifici della moschea principale sono stati costruiti e poi rasi al suolo, restaurati dopo gli incendi e le guerre. Nel 1127, il karakhanide Arslan-khan completò la costruzione della moschea con il minareto. La grandezza delle strutture sorprese Genghis Khan, che erroneamente credette che la moschea fosse un palazzo del khan. La moschea non fu risparmiata dal fuoco, e per molti anni dopo l'incendio rimase in rovina. Tutto ciò che rimase intatto della costruzione originale fu il minareto Kalyan.

Il fatto che il governatore di Bukhara nel 1514 abbia costruito questa grande moschea, potrebbe derivare dall'intenzione di voler rivaleggiare con il simbolo regale di Samarcanda - la moschea di Bibi-Khanym, con il disegno di rendere Bukhara la capitale dello stato shaibanide. Con la costruzione della moschea di Kalyan, Ubaidullah-Sultan diede inizio alla formazione di una nuova capitale, anziché combattere per il dominio su Samarcanda, che era sempre stata ostile agli Shaibanidi.[1][2]

ArchitettureModifica

Il minareto KalyanModifica

Il minareto Kalyan (in persiano o tagiko: "Grande Minareto") è noto anche come la Torre della Morte, perché per secoli i criminali furono giustiziati venendo precipitati dalla sommità.

Moschea KalyanModifica

La moschea Kalyan (Maedjid-i Kalyan) è stata completata intorno al 1514, durante il Khanato di Bukhara. È uguale per dimensioni alla moschea di Bibi-Khanym a Samarcanda. Le due moschee sono molto diverse per stili architettonici. Il tetto delle gallerie che circondano il cortile interno della moschea ha 288 cupole poggianti su 208 pilastri. Di fronte al cortile vi è un alto iwan piastrellato, per l'ingresso alla sala di preghiera principale. La moschea è sormontata da una grande cupola in maiolica blu.

Madrasa Mir-i Arab (1535-1536)Modifica

La costruzione della madrasa Mir-i Arab è attribuita allo sceicco Abdullah Yamani, originario dello Yemen. Chiamato anche Mir-i-Arab, era considerato il mentore spirituale di Ubaidullah-Khan e suo figlio Abdul-Aziz-Khan.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ История Узбекистана (XVI - первая половина XIX в.) Ташкент -"Укитувчи" -1995
  2. ^ Dmitriy Page, Kalyan Mosque, su pagetour.org. URL consultato il 14 ottobre 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica