Polaritone

Un polaritone è una quasiparticella risultante dall'accoppiamento di un fotone con una oscillazione o una eccitazione che porta un dipolo elettrico o magnetico, come ad esempio con un fonone (vibrazione reticolare delle posizioni atomiche), un eccitone (vibrazione della carica elettronica di stati lacuna positiva - carica negativa) o un plasmone (oscillazione della densità elettrica del plasma degli elettroni non legati in banda di conduzione) o un magnone. Essendo ad esempio l'eccitone a sua volta una quasiparticella a carattere bosonico, ed essendo il fotone un bosone, l'eccitone polaritone ha le caratteristiche di un bosone.

Condensato di polaritoniModifica

La condensazione di Bose-Einstein è un fenomeno quantistico a catena che porta la maggior parte delle particelle a carattere bosonico di un sistema in uno stesso stato finale, a partire da differenti stati iniziali. È strettamente collegata a fenomeni come la superconduttività e la superfluidità. Nel 2006 alla Scuola politecnica federale di Losanna per la prima volta è stato creato un condensato di Bose-Einstein di eccitoni polaritoni alla temperatura di 19 K. Sono in corso esperimenti per raggiungere tale condizione a temperatura ambiente[1]. Il carattere di superfluidità è stato osservato a temperatura ambiente nel 2016 da Lerario et al.[2], al CNR NANOTEC Istituto di Nanotecnologia, usando una mcirocavità ottica contenente uno strato attivo organico capace di supportare polaritoni basati su eccitoni di Frenkel stabili.

Archiviazione datiModifica

Nel dicembre 2012 al Caltech è stato annunciato che attraverso polaritoni plasmonici di superficie che concentrano la luce in uno spazio ristretto si potrà memorizzare una quantità di dati pari a 50TB per pollice quadrato.

NoteModifica

  1. ^ https://www.nature.com/articles/nature05131.pdf
  2. ^ (EN) Giovanni Lerario, Antonio Fieramosca e Fábio Barachati, Room-temperature superfluidity in a polariton condensate, in Nature Physics, vol. 13, n. 9, 2017-09, pp. 837–841, DOI:10.1038/nphys4147. URL consultato il 29 gennaio 2021.

BibliografiaModifica

  • U. Fano: Atomic Theory of Electromagnetic Interactions in Dense Materials, Phys. Rev. 103, 1202 (1956) DOI:10.1103/PhysRev.103.1202
  • J.J. Hopfield: Theory of the Contribution of Excitons to the Complex Dielectric Constant of Crystals, Phys. Rev. 112, 1555 (1958) DOI:10.1103/PhysRev.112.1555

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 49519 · LCCN (ENsh85104144 · GND (DE4174992-3
  Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fisica