Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Priapismo
Pompeya erótica5.jpg
Affresco raffigurante Priapo, Pompei
Specialitàurologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD011317 e D011317
eMedicine437237

Il priapismo è un'erezione persistente involontaria ed anomala (di durata superiore a 4 ore), spesso dolorosa, dei soli corpi cavernosi del pene, non accompagnata dal consueto desiderio sessuale o eccitazione, che invece contraddistinguono la normale erezione maschile. La locuzione priapismo è talora impiegata, in modo più generico ma inesatto, come sinonimo di satiriasi.

EtimologiaModifica

Il termine deriva dal nome della divinità greca della potenza virile Priapo, spesso rappresentato con un fallo di proporzioni esagerate. Opposta al priapismo (in termini medici e non figurativamente) è la disfunzione erettile o impotenza.

EziologiaModifica

Si distinguono due tipi di priapismo a eziologia somatica, uno a basso flusso (o priapismo venoso) e uno ad alto flusso (o priapismo arterioso), oltre a una terza forma di origine psicogena. Ci può anche essere una causa farmacologica (Trazodone, antidepressivo atipico)

TerapiaModifica

Il priapismo arterioso spesso non necessita di interventi in urgenza mentre il priapismo di tipo venoso è sempre un'urgenza urologica. L'erezione, che non riguarda l'uretra spongiosa, è spesso dolorosa e può rappresentare un'urgenza chirurgica che va trattata possibilmente entro le 6-8 ore dalla sua insorgenza, poiché si potrebbe verificare una scarsa ossigenazione dei tessuti che degenererebbero nella perdita, a volte definitiva, della funzione erettile. La procedura chirurgica d'urgenza, segue quella medica con vasocostrittori, una volta verificata la scarsa ossigenazione del sangue e dei tessuti tramite prelievo con siringa. Essa consiste principalmente nella tecnica dello shunt trans-glandale in anestesia totale, che permette di aspirare il sangue non ossigenato dai tessuti penieni, con successivi lavaggi a base di soluzione fisiologica. Il recupero post-operatorio, che può protrarsi anche per alcuni mesi, può essere totale o parziale.

NoteModifica

  1. ^ Campbell J.H., Cummins S.D., "Priapism in sickle cell anemia", Journal Urol., 66, 697, 1951.
  2. ^ Berard L.N., Byrne J.E., "Priapism due to unusual metastasis of bladder carcinoma: case report", Journal Urol., 70, 261, 1953.
  3. ^ Breton P.M., "Un caso di priapismo traumatico", Minerva Urol., 6, 64, 1954.
  4. ^ Confalonieri A., "Il priapismo: a proposito di un'osservazione di priapismo idiopatico", Archivio Ital. Urol.,32, 218, 1959.
  5. ^ Cuccioli U., "Contributo allo studio del priapismo cosiddetto idiopatico", Archivio Ital. Urol., 21, 218, 1944.

BibliografiaModifica

  • Delle Sedie P.F., "Quattro casi di priapismo di origine traumatica osservati in corridori ciclisti", Minerva Medica, 47, 1956.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina