Procreodi

I procreodi (Procreodi) sono un ordine di mammiferi primitivi sviluppatisi subito dopo la scomparsa dei dinosauri, nel Paleocene inferiore.

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Procreodi
Arctocyon DB.jpg
Ricostruzione di Arctocyon primaevus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Ordine Procreodi

"Cani" onnivoriModifica

Questi animali includono i primi tentativi, da parte di mammiferi di una certa taglia, di dare vita a forme predatrici. Molte di queste forme, raggruppate nella famiglia degli arctocionidi (Arctocyonidae), erano della taglia di un cane, o ancora più grandi. L'esempio più conosciuto è il genere Arctocyon, del Paleocene superiore europeo. Questi animali svilupparono una dentatura notevole: accanto a molari grandi e trituranti, adatti a una dieta erbivora, vi erano incisivi e canini che chiaramente richiamavano un'attività predatrice. Molto probabilmente si trattava di animali onnivori. Altre forme della famiglia sono Arctocyonides e Mentoclaenodon. Quest'ultimo era quasi sicuramente carnivoro, dal momento che aveva sviluppato veri e propri canini “a sciabola”. Le forme più antiche sono raggruppate nella sottofamiglia dei Loxolophinae (come Loxolophus e Protogonodon).

Una famiglia dalle caratteristiche diverse, quella degli ossiclenidi (Oxyclaenidae), si sviluppò anch'essa nel Paleocene inferiore. La taglia di questi animali era di solito minore rispetto a quella degli arctocionidi; gli ossiclenidi avevano un corpo più corto e zampe più lunghe, utilizzate forse per arrampicarsi sugli alberi. Sembra che gli ossiclenidi, come Chriacus, fossero i procreodi più primitivi.

Gli arctocionidi e gli ossiclenidi si estinsero nel corso dell'Eocene, senza lasciare discendenti. I procreodi sono comunque importanti in quanto sono tra i primi tentativi di specializzazione dei mammiferi placentati.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi