Apri il menu principale

Le proprietà tecnologiche dei materiali definiscono l'attitudine di un materiale ad essere sottoposto alle diverse lavorazioni e caratterizzano il comportamento del materiale sottoposto ad esse.

Malleabilità, fusibilità, saldabilità e truciolabilità, ad esempio, definiscono quindi la capacità del materiale di lasciarsi lavorare rispettivamente per deformazione plastica, per fusione, per unione di lembi tramite i diversi tipi di saldatura e per asportazione di truciolo con macchine utensili.

Indice

DuttilitàModifica

La duttilità è l'attitudine di un materiale ad essere trasformato in fili sottili. Tale trasformazione può avvenire a caldo o a freddo per mezzo di una matrice, in cui il materiale viene tirato, alla quale deve essere praticato un foro di dimensioni equivalenti a quelle del prodotto desiderato.

Esempi di materiali duttili sono: oro, argento, rame, acciaio, ottone, alluminio e piombo.

Esempi di materiali non duttili sono: ghisa, bronzo.

ImbutibilitàModifica

L'imbutibilità è l'attitudine di un materiale a lasciarsi trasformare in prodotti cavi, quest'operazione si svolge prevalentemente a freddo.

Esempi di materiali imbutibili sono: alluminio, rame, ottone a caldo, leghe di acciaio non in fase martensitica o bainitica, acciaio inox austenitico

Esempi di materiali non imbutibili sono: ghisa, piombo, ottone a freddo.

MalleabilitàModifica

La malleabilità è l'attitudine di un materiale a lasciarsi deformare sotto effetto di pressione

Esempi di materiali malleabili sono: acciaio, oro, ottone, argento, stagno.

Esempi di materiali non malleabili sono: ghisa, piombo.

PiegabilitàModifica

La piegabilità è l'attitudine di un materiale a lasciarsi piegare senza difficoltà, quindi durante la plastica di piegatura il materiale non deve rompersi o rovinarsi.

Esempi di materiali piegabili sono: gomma, leghe leggere, argilla grezza, plastilna, e in generale tutti i materiali metallici con reticolo cristallino cubico a facce centrate.

Esempi di materiali non piegabili sono: ghisa, bronzo e in generale tutti i materiali metallici in configurazione cubico a facce centrate al di sotto della T di transizione duttile/fragile.

SaldabilitàModifica

La saldabilità è l'attitudine di un materiale a lasciarsi unire alle sue parti o a un altro materiale tramite fusione, nelle leghe metalliche tale processo non deve però pregiudicare la funzionalità della microstruttura che si viene a formare durante il raffreddamento.

Esempi di materiali saldabili: acciaio con basso contenuto di C, leghe.

Esempi di materiali non saldabili: acciai ad alto contenuto carbonio (durante il raffreddamento potrebbe formarsi la martensite che è fragile),ghisa, bronzo.

ColabilitàModifica

La colabilità è l'attitudine di un materiale a riempire completamente un contenitore di qualsiasi forma una volta allo stato liquido, in metallurgia un'ottima colabilità si ha se durante il raffreddamento il materiale ha un basso ritiro.

Esempi di materiali colabili: ghisa, ottone, bronzo.

Esempi di materiali non colabili: acciaio.

TemprabilitàModifica

La temprabilità è la capacità che hanno i metalli e le leghe metalliche di cambiare la propria struttura in seguito ad un trattamento di tempra. Grazie alla tempra un materiale può indurirsi o addolcirsi.

Esempi di materiali temprabili: acciai legati, ghisa, ottone, bronzo, oro, acciai auto-tempranti(alti elementi di lega).

Esempi di materiali non temprabili: ghisa grigia, acciaio inox austenitico, acciaio al basso carbonio (es. acciai da costruzione generici).

TruciolabilitàModifica

La truciolabilità (o lavorabilità alle macchine utensili) di un materiale è l'attitudine a produrre trucioli se lavorato con macchinari che asportano del materiale. A seconda della durezza, quando verrà lavorato produrrà trucioli corti e spezzati in caso di materiali molto duri e trucioli molto lunghi in caso di materiali morbidi.

Esempi di materiali truciolabili: acciai rapidi/super rapidi, bronzi, ghise grigie.

Esempi di materiali non truciolabili: ghise bianche, acciai bainitici e martensitici.

FusibilitàModifica

La fusibilità è l'attitudine di un materiale a essere colato allo stato liquido dentro una forma per ottenere un getto di fusione.

LucidabilitàModifica

La lucidabilità è la proprietà tecnologica di un corpo o di un materiale di lasciarsi levigare/lucidare. È una proprietà del legno.

  • Fendibilità*

La fendibilità è la possibilità che un materiale possiede, o meno, di lasciarsi fendere, scavare, solcare(scalfire). Es.: viene sfruttata per incidere graffiti.

Voci correlateModifica