Provincia Libera di Guayaquil

Provincia Libera di Guayaquil
Provincia Libera di Guayaquil – BandieraProvincia Libera di Guayaquil - Stemma
Provincia Libre de Guayaquil (orthographic projection).svg
Dati amministrativi
Nome completoRepública de Guayaquil
Nome ufficialeProvincia Libre de Guayaquil
Lingue parlatespagnolo
CapitaleGuayaquil
Politica
Forma di StatoRepubblica presidenzialista
Forma di governorepubblica
Nascita8 novembre 1820 con José Joaquín de Olmedo
Fine31 luglio 1822 con Simón Bolívar
Territorio e popolazione
Massima estensione53 000[1] nel 1822
Religione e società
Religioni preminenticattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Spain (1785–1873, 1875–1931).svg Vicereame della Nuova Granada
Succeduto daFlag of the Gran Colombia.svg Grande Colombia

La Provincia Libera di Guayaquil (chiamata anche Repubblica di Guayaquil)[1] fu uno stato sudamericano sovrano e indipendente, sorto tra il 1820 e il 1822 a seguito dell'indipendenza della provincia di Guayaquil dalla corona spagnola. La provincia ebbe un governo e una costituzione provvisoria fino alla sua annessione, come Dipartimento di Guayaquil, da parte della Grande Colombia,[2] che subito seppe estendere l'indipendenza alla Presidenza di Quito. Dieci anni più tardi, Quito, Cuenca e Guayaquil si unirono e, ribellandosi a Bolívar, formarono l'attuale Ecuador.[2]

La Provincia Libera di Guayaquil si costituì nei territori appartenuti al Governatorato di Guayaquil, organo amministrativo coloniale dell'Impero spagnolo dichiarando la propria indipendenza il 9 ottobre 1820 per mezzo di una rivoluzione incruenta. Terminò di esistere il 13 luglio 1822, dopo essere stata annessa da Simón Bolívar alla Grande Colombia.[1]

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • (ES) Luis Suárez Fernández, Historia general de España y América: Emancipación y nacionalidades americanas, Volume 13, Ediciones Rialp, 1992, ISBN 843212110X.