Apri il menu principale

Rail Cargo Carrier Italia

impresa ferroviaria privata italiana
(Reindirizzamento da Rail Cargo Italia)
Rail Cargo Carrier Italia
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione2007
Sede principaleNovi Ligure
Settoretrasporti
Prodottitrasporto di merci su rotaia
Sito web

Rail Cargo Carrier Italia, già Rail Cargo Italia (fino al 12 gennaio 2012 nota come Linea Smart Business Ways e fino al 2014 come Rail Cargo Italia[1]) è un'impresa ferroviaria privata che si occupa di trasporto di merci su rotaia. Ha sede a Novi Ligure, in Piemonte.

Indice

StoriaModifica

Nel 2007, la società italiana Tiber.co e la slovacca Ti-Ferest, costituirono la società Linea che ottenne, tramite trasferimento e voltura, la licenza di esercizio ferroviaria rilasciata dal Cesifer alla prima impresa. Nel corso dello stesso anno, anche la FHV entrò nella società. Nel mese di agosto, infine, iniziò l'attività con l'esercizio del primo treno merci sulla relazione OspitalettoLecco[2].

Nel gennaio dell'anno seguente, fu avviata un'altra relazione merci per conto della Medit trasportante GPL da Brindisi verso il nord-est italiano[2].

Nel dicembre 2008, la Ti-Ferest uscì dalla compagnia, mentre la Rail Cargo Austria acquisì il 55% delle azioni[2].

Nel 2009 furono avviate altre tre relazioni merci, tra cui quella relativa al trasporto di oli vegetali tra Genova e Ferrandina[2].

Il 12 gennaio 2012, Linea fu ribattezzata Rail Cargo Italia, mentre la forma societaria fu trasformata da società per azioni (SpA) a società a responsabilità limitata (Srl)[3].

Materiale rotabileModifica

Dispone di due tipi di locomotori:

NoteModifica

  1. ^ Comunicato stampa aziendale. URL Consultato nel febbraio 2105.
  2. ^ a b c d Linea Spa - Chi siamo, su lineaferroviaria.it. URL consultato il 10 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2012).
  3. ^ Redazione Express-Interfracht Italia, LINEA cambia nome e diventa "Rail Cargo Italia", su express-interfracht.it, 16 gennaio 2012. URL consultato il 10 aprile 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica