Apri il menu principale

Renzo Foa (Torino, 10 marzo 1946Roma, 9 giugno 2009) è stato un giornalista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato in una famiglia piemontese di religione ebraica, figlio del politico e sindacalista Vittorio Foa, anch'egli giornalista, ha iniziato la carriera professionale nelle testate politiche di centrosinistra, giungendo a divenire direttore de l'Unità dal 1990 al 1992 (dopo Massimo D'Alema) e di Paese Sera dal 1993 al 1994.

In seguito ha mutato il suo orizzonte ideale, orientandosi verso il liberalismo e convertendosi al cattolicesimo. Negli anni novanta ha iniziato a collaborare come editorialista al quotidiano Il Giornale[1].

Dal 2008 alla morte è stato direttore del quotidiano Liberal legato alla fondazione omonima.
È stato membro del Comitato per l'attuazione della legge Biagi, segretario dell'International Institute of Communication, componente della Fondazione Italia USA e del centro studi Eurispes.

OpereModifica

  • Il decennio sprecato. Ma è davvero impossibile cambiare l'Italia?, Fondazione Liberal, 2005
  • In cattiva compagnia. Viaggio tra i ribelli al conformismo, Fondazione Liberal, 2007
  • Noi europei. Un dialogo tra padre e figlio, con Vittorio Foa, Fondazione Liberal, 2008
  • Ho visto morire il comunismo, Marsilio, 2010

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39273135 · ISNI (EN0000 0000 5305 5647 · LCCN (ENnr96004865 · WorldCat Identities (ENnr96-004865