Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La riatletizzazione è un concetto introdotto negli ultimi anni per definire l'ultima parte del percorso di recupero funzionale di un atleta da un infortunio. Mentre in passato si faceva coincidere il ritorno all'attività agonistica col termine della fase di riabilitazione, le moderne conoscenze nell'ambito delle scienze motorie hanno imposto di programmare ed attuare un periodo di riatletizzazione prima del ritorno incondizionato all'attività agonistica per lo sportivo. Questi, infatti, necessita non solo di recuperare le funzionalità lese con l'infortunio, obiettivo del precedente percorso riabilitativo (fisioterapico), ma anche la gestualità sport-specifica e le capacità condizionali adeguate al livello competitivo di appartenenza.

DefinizioneModifica

"La riatletizzazione è l'ultima fase del percorso rieducativo, nella quale, sfruttando i principi dell'allenamento sportivo, si raggiunge il completo recupero delle capacità condizionali e delle abilità sport-specifiche dell'atleta"[1].

Ambito professionaleModifica

La figura professionale preposta alla riatletizzazione è il dottore in scienze motorie, in stretta collaborazione con il fisioterapista e i professionisti che hanno curato la riabilitazione di quell'atleta.

NoteModifica

  1. ^ La Riatletizzazione, su sportbrain.it. URL consultato il 19-04-2009 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2009).

Voci correlateModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina