Richard Laming

chimico e chirurgo britannico

Richard Laming (Margate, 17 agosto 1799Arundel, 3 maggio 1879) è stato un chirurgo, filosofo, inventore e chimico britannico.

C'è qualche incertezza sulle sue origini. Si ritiene che sia nato a Margate, in Inghilterra, il 17 agosto 1799, figlio di James Laming e Sarah Walton. [senza fonte] Aveva un fratello maggiore, James, nato nel 1791, che era un commerciante prospero. Nel 1825 Richard si qualificò per l'adesione al Royal College of Surgeons.[1]

Durante i suoi momenti di svago, Richard sviluppò un interesse per la teoria dell'elettricità. Tra il 1838 e il 1851 pubblicò una serie di articoli che ipotizzavano la composizione elettrica degli atomi. Ipotizzò che esistessero particelle subatomiche di carica unitaria; era una delle prime persone a farlo. Suggerì che l'atomo fosse costituito da un nucleo di materiale circondato da gusci concentrici di questi "atomi" elettrici o particelle.[2] Credeva anche che queste particelle potessero essere aggiunte o sottratte a un atomo, cambiando la sua carica.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b W. F. Farrar, Richard Laming and the Coal-Gas Industry, with His Views on the Structure of Matter, in Annals of Science, vol. 25, n. 3, 1969, pp. 243-254, DOI:10.1080/00033796900200141.
  2. ^ Jed Z. Buchwald e Warwick Andrew, Histories of the Electron, MIT Press, 2001, ISBN 0-262-52424-4.