Apri il menu principale
Frontespizio dell'Histoire critique du vieux testament di Richard Simon

Richard Simon (Dieppe, 13 maggio 1638Dieppe, 11 aprile 1712) è stato un teologo e biblista francese. È considerato l'iniziatore della critica biblica in lingua francese.

BiografiaModifica

Richard Simon nacque a Dieppe. Ricevette la prima educazione presso il collegio oratoriano di quella città, e successivamente studiò teologia a Parigi, dove mostrò interesse per l'ebraico e le lingue orientali. Entrò negli Oratoriani come novizio nel 1662. Alla fine del suo noviziato fu mandato a insegnare filosofia al Collège de Juilly. Fu presto richiamato a Parigi e incaricato della preparazione di un catalogo dei libri orientali della biblioteca dell'Oratorio. Fu ordinato sacerdote nel 1670, e si dedicò per il resto della sua vita all'esegesi storico critica della Bibbia. La sua Histoire critique du Vieux Testament (1678) fu oggetto di aspre critiche sia nel mondo cattolico che in quello protestante e causò l'espulsione di Simon dagli Oratoriani.

PolemicheModifica

Al momento della stampa l'Histoire critique du Vieux Testament superò la censura dell'Università di Parigi e ottenne l'imprimatur del Cancelliere dell'Oratorio. Simon contava sull'influenza del gesuita François d'Aix de La Chaise, il confessore del re, e di Charles de Sainte-Maure, per poter dedicare l'opera a Luigi XIV; ma in quel momento il re era assente dalla Francia e si trovava nelle Fiandre.

La libertà con cui Simon si espresse, specialmente dove dichiarò che Mosè non poteva essere l'autore di molti degli scritti a lui attribuiti, attirò l'attenzione del mondo culturale francese. La polemica che ne seguì fu tale che gli avversari di Simon riuscirono ad ottenere un decreto di condanna da parte del Consiglio del re e tutte le 1.300 copie dell'opera stampate fino a quel momento furono sequestrate dalla polizia e distrutte.

Nel 1678 Simon fu espulso dall'Oratorio. Nel 1679 divenne curato a Bolleville nella Senna Marittima. Più tardi tornò a Dieppe, dove gran parte della sua biblioteca era andata perduta nel bombardamento navale del 1694. Morì lì l'11 aprile 1712, all'età di settantaquattro anni.

OpereModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12332566 · ISNI (EN0000 0001 0870 2478 · SBN IT\ICCU\RMLV\031473 · LCCN (ENn50023916 · GND (DE118805185 · BNF (FRcb12079276v (data) · CERL cnp00400820 · WorldCat Identities (ENn50-023916