Ritenzione idrica premestruale

La ritenzione idrica premenstruale (o ritenzione dei liquidi premenstruali) è un fenomeno comune associato al ciclo mestruale. Consiste nella ritenzione dell'acqua durante il periodo immediatamente precedente al ciclo mestruale (cioè la seconda metà della fase luteale o la settimana prima della mestruazione).[1]

FenomenologiaModifica

Questa ritenzione idrica si evidenzia maggiormente per l'aumento di volume temporaneo dei seni. Il liquido in eccesso viene perso durante le mestruazioni. Si ritiene che il fenomeno sia causato da elevati livelli di progesterone circolante, così come da estrogeni e prolattina, stimolando le cellule secretorie nel corpo e nei seni.[2][3][4]

Nel petto si ritiene che anche il flusso sanguigno aumenti.[5] La ritenzione idrica e il gonfiore del seno possono anche essere causati da contraccettivi ormonali (che contengono estrogeni e un progestogene).[6]

Secondo altri studi, la ritenzione di liquidi non è premenstruale, ma piuttosto si verifica nel picco del primo giorno di flusso mestruale.[7][8] Inoltre non sembra essere correlato ai livelli sierici di progesterone.[9]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Theresa Hornstein e Jeri Lynn Schwerin, Biology of Women, Cengage Learning, 1º gennaio 2012, ISBN 143540033X. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  2. ^ (EN) Lee-Ellen C. Copstead-Kirkhorn e Jacquelyn L. Banasik, Pathophysiology - E-Book, Elsevier Health Sciences, 25 giugno 2014, ISBN 9780323293174. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  3. ^ Miranda A. Farage, Sallie Neill e Allan B. MacLean, Physiological Changes Associated with the Menstrual Cycle, in Obstetrical & Gynecological Survey, vol. 64, n. 1, pp. 58–72, DOI:10.1097/ogx.0b013e3181932a37. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  4. ^ (EN) Charlotte Pooler, Porth Pathophysiology: Concepts of Altered Health States, Lippincott Williams & Wilkins, 1º ottobre 2009, ISBN 9781605477817. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) Valerie Andolina e Shelly Lillé, Mammographic Imaging: A Practical Guide, Lippincott Williams & Wilkins, 2011, ISBN 9781605470313. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  6. ^ (EN) Phyllis Carolyn Leppert e Jeffrey F. Peipert, Primary Care for Women, Lippincott Williams & Wilkins, 2004, ISBN 9780781737906. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  7. ^ Patricia M. Meaden, S. Ann Hartlage e Jennifer Cook-Karr, Timing and severity of symptoms associated with the menstrual cycle in a community-based sample in the Midwestern United States, in Psychiatry Research, vol. 134, n. 1, 30 marzo 2005, pp. 27–36, DOI:10.1016/j.psychres.2005.01.003. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  8. ^ J. W. Taylor, The timing of menstruation-related symptoms assessed by a daily symptom rating scale, in Acta Psychiatrica Scandinavica, vol. 60, n. 1, luglio 1979, pp. 87–105. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  9. ^ (EN) Colin P. White, Christine L. Hitchcock e Yvette M. Vigna, Fluid Retention over the Menstrual Cycle: 1-Year Data from the Prospective Ovulation Cohort, in Obstetrics and Gynecology International, vol. 2011, 2011, pp. 1–7, DOI:10.1155/2011/138451. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina