Saqaliba

Ṣaqāliba (in arabo: صقالبة‎ sing. Ṣiqlabi) si riferisce agli slavi, agli schiavi soprattutto slavi e mercenari nel mondo medievale arabo (Vicino Oriente, Nord Africa, Sicilia e al-Andalus), ma nel tempo è passato poi a indicare qualsiasi oriundo europeo reso schiavo, anche se poi affrancato.

Il termine arabo è un prestito linguistico bizantino, ossia saqlab, siklab e saqlabi, si avvicina al termine greco Sklavinoi, cioè "slavi". La parola è stata spesso utilizzata anche più in generale per riferirsi a tutti gli schiavi provenienti dall'Europa mediterranea, centrale e orientale.

Collegamenti esterniModifica