Serž Sargsyan

politico armeno
(Reindirizzamento da Serzh Sargsyan)

Serž Azati Sargsyan (in armeno: Սերժ Ազատի Սարգսյան?; Step'anakert, 30 giugno 1954) è un politico armeno. È stato Presidente della Repubblica dall'aprile 2008 all'aprile 2018, e poi brevemente Primo ministro nell'aprile 2018. Precedentemente era già stato primo ministro dal marzo 2007 all'aprile 2008.

Serž Sargsyan
Սերժ Ազատի Սարգսյան
Serj1.jpg

Presidente dell'Armenia
Durata mandato9 aprile 2008 –
9 aprile 2018
Capo del governoTigran Sargsyan
Hovik Abrahamyan
Karen Karapetyan
PredecessoreRobert Kocharian
SuccessoreArmen Sargsyan

Primo ministro dell'Armenia
Durata mandato25 marzo 2007[1] –
9 aprile 2008
PresidenteRobert Kocharian
PredecessoreAndranik Margaryan
SuccessoreTigran Sargsyan

Durata mandato17 aprile 2018 –
23 aprile 2018
PresidenteArmen Sarkissian
PredecessoreKaren Karapetyan
SuccessoreKaren Karapetyan (ad interim)

Dati generali
Partito politicoPartito Comunista dell'Armenia
(fino al 1990)
Partito Repubblicano d'Armenia
(dal 1990)
UniversitàUniversità Statale di Erevan
FirmaFirma di Serž Sargsyan Սերժ Ազատի Սարգսյան

BiografiaModifica

Dopo aver frequentato la scuola superiore a Stepanakert, nel 1971 fu ammesso all'Università Statale di Yerevan, dove si laureò in Filologia nel 1979. Nel 1983 ha sposato Rita Sargsyan, da cui ha avuto due figlie.

Carriera politicaModifica

Nel 1990 fu eletto nel Soviet Supremo dell'Armenia.

Dal 1993 al 1995 fu Ministro della Difesa.

Dal 1995 al 1996 fu capo del Dipartimento di Stato per la Sicurezza e poi Ministro della Sicurezza Nazionale.

Dal 1996 al 1999 fu Ministro dell'Interno e della Sicurezza Nazionale.

Nel 1999 fu capo Ministro della Sicurezza Nazionale.

Dal 1999 al 2000 fu Capo dello staff del Presidente della Repubblica.

Dal 2000 al 2007 fu Ministro della Difesa.

Dal marzo 2007 fino all'elezione a Presidente della Repubblica è stato Primo ministro.

Dall'aprile 2008 all'aprile 2018 Presidente della Repubblica.

Viene nominato nell'aprile del 2018 nuovamente Primo ministro, ma in seguito a notevoli proteste in tutto il paese, rassegna le dimissioni il 23 aprile 2018[2][3].

OnorificenzeModifica

Onorificenze armeneModifica

  Ordine Militare della Croce di I Classe
  Ordine di Tigran il Grande

Onorificenze straniereModifica

  Ordine d'Onore (Georgia)
— 2008
  Ordine del Vello d'Oro (Georgia)
— 2009
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 2011
  Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina)
— luglio 2011
  Fascia dell'Ordine della Repubblica di Serbia (Serbia)
«Per i meriti nello sviluppo e nel rafforzamento della cooperazione pacifica e delle relazioni amichevoli tra la Serbia e l'Armenia.»
— 2013
  Medaglia per il decimo anniversario di Astana capitale (Kazakistan)

NoteModifica

  1. ^ Ad interim fino al 4 aprile 2007.
  2. ^ Il Foglio
  3. ^ Vigevano 24

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN38125522 · LCCN (ENno2019003706 · GND (DE134088778 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019003706