Apri il menu principale
San Severo di Napoli
San Severo di Napoli.jpg
Il santo in un'immagine devozionale del XIX secolo
 

Vescovo

 
Morte400
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleBasilica di san Giorgio Maggiore (Napoli)
Ricorrenza29 aprile
Attributivescovili
Patrono diNapoli (secondario), San Severo
Severo
vescovo della Chiesa cattolica
Santi patroni.jpg
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Napoli
 
NatoIV secolo
Deceduto400 a Napoli
 

Severo di Napoli (IV secoloNapoli, 400[1]) è stato il quattordicesimo vescovo di Napoli ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

BiografiaModifica

Il suo episcopato data dal 357 circa al 400[1] e s'inserisce d'autorità nella storia napoletana all'indomani di complesse vicende religiose e civili. Scarse sono le notizie sulla vita di Severo, ma in un'importante testimonianza se ne descrive lo spessore umano e religioso: una lettera a lui indirizzata da sant'Ambrogio da Milano nel 393. Anche il pagano Quinto Aurelio Simmaco, praefectus urbi, riconosce le qualità di Severo, come dimostra una sua lettera del 397-8 al console napoletano Decio Albino.

 
Particolare della serie dei vescovi napoletani (Napoli, Sacrestia del Duomo)

L'episcopato severiano è caratterizzato da una forte spinta evangelizzatrice, concretizzatasi nella costruzione di diversi edifici di culto, tra cui la basilica di San Giorgio Maggiore dove, sotto la mensa dell'altare maggiore, sono tuttora conservate le spoglie del santo e del battistero di Napoli, considerato il più antico dell'Occidente. Ha riportato a Napoli i resti del suo predecessore san Massimo di Napoli.

A san Severo, inoltre, secondo la leggenda devozionale, è legato il primo dei cosiddetti "miracoli della liquefazione del sangue di san Gennaro". San Severo è patrono secondario di Napoli e patrono principale della città e della diocesi di San Severo in Puglia. La sua festa liturgica si celebra il 29 aprile (nella diocesi sanseverese, per speciale concessione, il 25 settembre).

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica