Solenodonsaurus janenschi

(Reindirizzamento da Solenodonsaurus)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Solenodonsaurus
Solenodonsaurus1DB.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Superordine Reptiliomorpha
Genere Solenodonsaurus
Specie S. janenschi

Il solenodontosauro (Solenodonsaurus janenschi) è un piccolo animale simile a un rettile, vissuto nel Carbonifero superiore (circa 320 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Repubblica Ceca.

Tra anfibi e rettiliModifica

Questo animale è spesso considerato vicino all'origine degli amnioti, anche se visse troppo tardi per esserne un vero antenato. Era un tetrapode piuttosto piccolo (lunghezza 45 centimetri) e probabilmente si nutriva di piccoli vertebrati e di insetti, che catturava con i suoi denti acuminati e leggermente ricurvi. Doveva essere un animale terrestre, con zampe robuste e una struttura compatta.

Il cranio del solenodontosauro possiede una incisura otica nella parte posteriore, più profonda di quella rinvenuta negli anfibi temnospondili coevi; la sua forma, inoltre, sembra inadatta a reggere la membrana timpanica. Quindi questo animale probabilmente non sentiva i suoni aerei ad alta frequenza. Il suo omero era piuttosto robusto, e l'arco neurale era del tutto diverso da quello dei seimuriamorfi e dei diadectomorfi, altri animali simili a rettili vissuti più o meno nello stesso periodo.

ClassificazioneModifica

 
Scheletro di Solenodonsaurus janenschi

La specie Solenodonsaurus janenschi fu descritta da Broili nel 1924, e venne considerata appartenente ai cosiddetti “cotilosauri”, un gruppo ormai non più considerato valido, che includeva alcuni rettili primitivi e vari altre forme. I suoi denti erano sprovvisti di riempimento labirintino, al contrario di molti anfibi paleozoici; Broili, anche per questo motivo, lo classificò tra i cotilosauri. Nel corso degli anni, il solenodontosauro è stato variamente incluso tra gli amnioti, gli anfibi e i rettiliomorfi, soprattutto in base alle caratteristiche del cranio. Con l'avvento delle analisi cladistiche, il solenodontosauro è stato considerato un parente primitivo degli amnioti; alcune analisi mostrano che questo animale era strettamente imparentato con seimuriamorfi e diadectomorfi.

BibliografiaModifica

  • Broili F. v. 1924. Ein Cotylosaurier aus der oberkarbonischen Gaskohle von Nürschan in Böhmen. Sitzungsberichte der Mathematisch-Naturwissenschaftlichen Abteilung der Bayerischen Akademie der Wissenschaften zu München 1924: 3-11.
  • Brough M. C. & J. Brough. 1967. Studies on early tetrapods. III. The genus Gephyrostegus. Philosophical Transactions of the Royal Society B252: 147-165.
  • Carroll R. L. 1970. The ancestry of reptiles. Philosophical Transactions of the Royal Society B257: 267-308.
  • Gauthier J., A. G. Kluge, & T. Rowe. 1988. The early evolution of the Amniota. In: M. J. Benton (ed.) The phylogeny and classification of the tetrapods, Volume 1: amphibians, reptiles, birds (1): 103-155. Oxford: Clarendon Press.
  • Laurin M. & R. R. Reisz. 1997. A new perspective on tetrapod phylogeny. In: S. Sumida and K. Martin (eds) Amniote Origins—Completing the Transition to Land: 9-59. London: Academic Press.
  • Laurin M. & R. R. Reisz. 1999. A new study of Solenodonsaurus janenschi, and a reconsideration of amniote origins and stegocephalian evolution. Canadian Journal of Earth Sciences 36: 1239-1255.
  • Pearson H. S. 1924. Solenodonsaurus, Broili, a seymouriamorph reptile. Annals and Magazine of Natural History 14: 338-343.

Collegamenti esterniModifica