Apri il menu principale
Soplica
Soplica nuts.png
Origini
Luogo d'originePolonia Polonia
Creato daBolesław Kasprowicz
Dettagli
Categoriabevanda
 

Soplica ([sɔplitsa]) è una delle più antiche marche di vodka polacca aromatizzata, essendo stata prodotta per la prima volta nel 1891 (in una fabbrica aperta nel 1888). Sebbene le origini della vodka in Polonia risalgano già all'VIII secolo, Soplica è uno dei vecchi marchi di vodka prodotti industrialmente nel paese. La Żubrówka, ad esempio, si basa su una ricetta molto più antica di Soplica (risalente alla Confederazione polacco-lituana), ma esiste come marchio prodotto industrialmente solo dagli anni '20.

StoriaModifica

Il creatore della vodka Soplica fu Bolesław Kasprowicz, che nel 1888 fondò la Fabryka Wódek i Likierów w Gnieźnie (Fabbrica di Vodka e Liqueur a Gniezno). La prima bottiglia di Soplica fu prodotta lì nel 1891, come dimostra la replica della bottiglia che si tiene nel Muzeum Początków Państwa Polskiego w Gnieźnie (Museo delle Origini dello Stato Polacco di Gniezno) fino ad oggi. Bolesław Michał Kasprowicz (come era il suo nome completo) originariamente proveniva dalla città di Czempiń nel Voivodato della Grande Polonia. All'inizio della sua distilleria a Gniezno, divenne rapidamente uno dei pionieri del commercio di alcolici dell'epoca. Tre anni dopo l'apertura della fabbrica, nel 1891, Kasprowicz introdusse la vodka Soplica chiara sul mercato polacco. In pochi anni, lo stabilimento di Gniezno divenne una grande impresa.

Durante la prima guerra mondiale , la fabbrica di Kasprowicz a Gniezno sospese la sua attività e lo stesso Kasprowicz fu coinvolto in sforzi a livello nazionale per riconquistare l'indipendenza della Polonia come stato sovrano dopo 123 anni di dominio straniero . Dalla formazione della distilleria fino al 1913, la vodka e i liquori di Kasprowicz hanno ottenuto 73 premi diversi (tra cui 4 medaglie d'oro) sul mercato polacco e all'estero. Diventò una figura importante nella zona, infine divenne presidente della città di Gniezno nel 1919. Fu solo nel 1920 che tornò al suo ruolo di direttore della sua fabbrica. Durante l'occupazione tedesca della Polonia nella seconda guerra mondiale , Kasprowicz fu deportato a Varsavia dai nazisti e vi morì nel 1943.

Le ricette ancora utilizzate per vodka e liquori Soplica furono sviluppate dallo stesso Kasprowicz. Fu autore di molte formule uniche che furono scritte a mano e documentate in un tomo chiamato recepturarz. Tutti i prodotti creati da Kasprowicz erano contrassegnati con le iniziali BK e l'immagine di una carpa. I nomi di tutti i prodotti della sua fabbrica fanno riferimento alla tradizione e alla letteratura polacca. Questa usanza è sopravvissuta per molti anni, come ancora oggi sulle etichette delle versioni moderne della vodka Soplica c'è l'immagine di un dworek (case padronali storicamente di proprietà dello szlachta polacco) - un riferimento al poema epico nazionale Pan Tadeusz di Adam Mickiewicz.

Durante i primi 50 anni di esistenza delle fabbriche di produzione (1888-1939), la ditta di Kasprowicz guadagnò 93 medaglie e distinzioni per la qualità dei suoi prodotti. Dal 2009, la versione originale pura di Soplica e le sue diverse varianti aromatizzate hanno ottenuto numerosi riconoscimenti, sia da esperti che dai consumatori. Attualmente, il marchio Soplica è di proprietà del CEDC con sede in Polonia. Sebbene la CEDC sia stata acquistata dalla Russian Standard Corporation nel 2013, i suoi prodotti, tra cui Soplica, sono ancora realizzati dai polacchi con i loro metodi tradizionali. Più specificamente, i prodotti Soplica sono prodotti da Polmos Łańcut nella città di Łańcut, che si trova nel Voivodato della Precarpazia della Polonia sud-orientale.

  Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici