Apri il menu principale

Modifiche

7 byte aggiunti ,  11 mesi fa
m
Annullate le modifiche di 151.15.26.33 (discussione), riportata alla versione precedente di Botcrux
Nei vari anni in campo [[psicologia|psicologico]] sono stati portati avanti numerosi studi sull'autostima, un esempio tra questi è la ricerca di [[William James]] (1842/1910) il quale definisce l'autostima come rapporto tra ''sé percepito'' e ''sé ideale''; il primo è la considerazione che un individuo elabora su di sé in base alle caratteristiche che dal suo punto di vista sono presenti o assenti all'interno della sua vita, il sé ideale è invece l'idea di come vorrebbe essere e del modello di vita che sta prendendo in considerazione.
 
Secondo lo studioso la persona percepisce bassa autostima nel momento in cui il suo sé percepito non riesce a raggiungere il livello del suo sé ideale e quanto più grande è la discrepanza tra i due, tanto più nasce in un soggetto insoddisfazione (nel caso in cui il sé percepito sia di gran lunga minore) e alto senso di potere e successo (quando il sé percepito supera di molto il sé ideale).
 
Si può arrivare a dire che secondo James il senso di autostima derivi dal rapporto tra successo e aspettative, infatti senza dubbio la maggior parte dei fattori che va a condizionare la creazione del personale livello di autostima discende dai risultati/esiti delle prove che siamo chiamati ad affrontare quotidianamente nella vita.
261 811

contributi