Differenze tra le versioni di "Aeroporto Internazionale del Kansai"

(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta10))
 
===Costruzione dell'isola artificiale===
La [[costruzione]] dell'isola artificiale inizia nel gennaio 1987 con la realizzazione del [[perimetro]] dell'isola: un [[rettangolo]] di terra lungo 4 km e largo 2,5 km. Nel giugno dello stesso anno comincia anche la costruzione del ponte di collegamento tra la terraferma e l'isola, lungo circa 3 km. Ciononostante, durante il cantiere, il trasporto dei lavoratori e dei materiali da costruzione sull'isola avviene per mezzo di collegamenti marittimi. L'interramento dell'isola entro il perimetro inizia nel dicembre 1988: per la realizzazione è stato necessario [[Scavo (edilizia)|scavare]] tre diverse [[Montagna|montagne]] con tre tipologie di materiali differenti, scelti appositamente per limitare la trasmissione di [[Sisma|scosse sismiche]] attraverso il terreno, dovute ai numerosi [[Terremoto|terremoti]] che si verificano sul territorio giapponese, insieme ad altri fenomeni naturali quali i [[Ciclone tropicale|tifoni]]. Le macchine [[Chiatta|chiatte]] motorizzate sono state costruite appositamente per questa operazione di interramento ed hanno lavorato ininterrottamente per 3 anni alla realizzazione dell'isola, realizzando 10 km² di [[terrapieno]] che ha raggiunto una profondità di 18 m sotto il livello del mare. L'operazione di interramento è stata terminata nel 1991, anno in cui sono cominciate le costruzioni del Terminal passeggeri e delle strutture di servizio (linee ferroviarie, piste di atterraggio, piazzali, strade di collegamento). La costruzione del [[ponte]] di collegamento si conclude nel marzo 1994.
Nonostante siano state realizzate 11 milioni di colonne di sabbia nel terreno argilloso per accelerare la stabilizzazione dell'isola, ad oggi il terreno continua a subire abbassamenti.
 
[[File:Osaka - Kansai International (KIX - RJBB) AN1608052.jpg|miniatura|destra|Aeroporto del Kansai]]
 
===Costruzione dell'aeroporto===
La società '''KIAC''' (''Kansai International Airport Company'')<ref>{{cita web|url=http://www.nkiac.co.jp/en/|titolo=New Kansai International Airport Company|sito=Nkiac.co.jp|accesso=22 giugno 2016}}</ref> indice un [[Concorso di architettura|concorso ad inviti]] per la realizzazione dell'aeroporto di Kansai nel marzo 1988; il vincitore del concorso, l'architetto italiano [[Renzo Piano]] viene annunciato il 9 dicembre 1988. Successivamente alla vittoria del concorso, per la realizzazione dei disegni esecutivi, viene istituita una [[Joint venture|Joint Venture]] con a capo del coordinamento lo stesso Renzo Piano e lo studio di architettura giapponese [[Nikken Sekkei]] in qualità di local architects, le società Japan Airport Consultant e [[Paris Aéroport|Aéroport de Paris]] in qualità di consulenti, e lo studio di ingegneria Ove [[Arup]] & Partners per la consulenza strutturale. I lavori di costruzione dell'aeroporto iniziano il 24 maggio 1991, e per compensare l'abbassamento del terreno dell'isola, vengono inseriti alla base dell'edificio colonne telescopiche in grado di regolarne l'[[Equilibrio (biologia)|equilibrio]] puntualmente su tutta la sua lunghezza. La geometria toroidale utilizzata per definire la [[curvatura]] dell'edificio permette, dalla [[torre di controllo]], di vedere la coda di tutti gli aerei collegati ai singoli [[Finger|fingers]] su tutta la lunghezza di 1,7&nbsp;km dell'aeroporto.
2 486

contributi