Differenze tra le versioni di "Prossimo"

3 709 byte aggiunti ,  2 anni fa
angeli, creato visibile, eccezione del tirannicidio. divisione in paragrafi
m (Aggiunta parentesi finale)
(angeli, creato visibile, eccezione del tirannicidio. divisione in paragrafi)
'''Prossimo''' è un termine che indica ''vicinanza'' o ''affinità'', spaziale o temporale, a qualcuno o a qualcosa, spesso nel senso di "seguire", "venire dopo".
In questo senso il "Prossimo" dell'Israelita storico era il "vicino": concetto estensibile anche a chi era autorizzato a vivere nel territorio israelitico, pur non essendo seguace dell'[[Ebraismo]].
InNella sensoteologia (religioso) teologico cristianocristiana, il termine "Prossimo" èintende invece qualsiasi essere umano, anche tradizionalmente un nemico, verso cui esprimere la ''caritas'' additata come dovere da [[Gesù]], spiegata nel [[Vangelo]] con la [[parabola del buon samaritano]]; il prossimo è colui che nell'immediato (temporalmente né prima né poi), per incontro o per relazione, ci elargisce il suo aiuto (il Samaritano è il prossimo del suo nemico Israelitico che aveva incontrato i briganti e che malgrado l'inimicizia storica tra Israeliti e Samaritani, lo soccorre, lo cura e lo affida a un terzo, pagando le spese dello sventurato che era stato ferito).
 
Nei Vangeli, Dio e il Prossimo sono i destinatari del duplice [[Comandamento dell'amore#Il nuovo comandamento|Comandamento dell'amore]].<br />
La [[Prima lettera di Giovanni]] contrappone all'amore cristiano l'invidia di [[Caino e Abele|Caino]], "che era dal diavolo" e uccise il fratello a motivo delle sue opere "giuste"<ref>{{passo biblico2|1Giovanni|3:11-15}}</ref>. Entrambi offrivano sacrifici al medesimo Dio<ref>{{passo biblico2|Genesi|4:3-4,7}}</ref>, ma solo Abele era gradito e conforme alla Legge che imponeva di offrire le primizie del raccolto o i primogeniti del gregge.<br />
Caino è tentato dall'istinto del peccato, e la sua uccisione di Caino è vietata, poichè egli è condannato all'esilio.
 
== Estensioni ==
=== Gli angeli ===
Il Prossimo comprende anche l'[[angelo custode]], che secondo il [[Libro dell'Esodo]]<ref>{{passo biblico2|Esodo|20-23}}</ref> è inabitato dal [[Verbo (cristianesimo)|nome di Dio]] (''il mio nome è in lui''). <br />
Per questo motivo, al credente sono richiesti rispetto, ascolto e obbedienza alle sue parole ed opere.
 
=== Il creato visibile ===
Nel ''[[Credo niceno#I due testi del Credo|Credo niceno]]'', Dio viene pregato come ''[[Creazione (teologia)#Cristianesimo|creatore]] di tutte le cose visibili e invisibili'' (quali lo [[Spirito Santo]] e gli angeli). <br />
Col il termine "prossimo" si intenderebbe tutto il creato visibile, comprendendovi il [[regno minerale]], [[regno vegetale|vegetale]] e [[regno animale|animale]]. L'ordine divino e naturale della creazione verrebbe ad avere gradi e priorità diverse di amore, come testimoniato da san [[Francesco d'Assisi#Confronto con il catarismo|Francesco d'Assisi]]: Dio, gli angeli e i santi, il prossimo umano, le altre creature a noi prossime.
 
Anche all'interno degli altri regni della natura potrebbe essere ravvisata una priorità, in base alla loro [[Tomismo#L'essere e gli enti|immagine e somiglianza]] con l'uomo (o gli angeli), e con Dio Creatore per loro tramite. Ad una maggiore perfezione terrena corrisponderebbero una maggiore dignità nei confronti di Dio, e amore anche da parte del genere umano.<br />
In modo controverso, la cosiddetta ''teologia degli animali'' dell'autore ebraico italiano [[Paolo De Benedetti#La teologia degli animali|De Benedetti]], è giunto a sviluppare una semi-personificazione degli animali, dotati di coscienza e possibili candidati alla vita eterna.
 
== Eccezioni ==
La Scolastica ha elaborato una dottrina del [[tirannicidio#teorie politiche|tirannicidio]], fondata sulla Sacra Scrittura e la [[patristica]].
 
; 1 Maccabei
Un esempio di tirannicidio "in forma indiretta" riguarda la storia di [[Mattatia#Storia|Mattatia]], che davanti ad un altare sacro uccide i messaggeri del re ed un ebreo convertito dichiaratosi pronto ad adorare il dio pagano del nemico<ref>{{passo biblico2|1Maccabei|2:15-28}}</ref>.
Genesi|4:3-4}}</ref>.
; Simon Mago
Inoltre, una tradizione agiografica ed extrabiblica riferisce che Pietro e Paolo apostoli avrebbero pregato lo Spirito Santo contro [[Simon Mago]], loro rivale a Roma nel convertire le folle. <br />
Questi, pur essendo stato battezzato, non ricevette gli stessi loro doni dallo Spirito Santo, ma il rifiuto di Pietro davanti all'offerta di denaro e alla richiesta di pregare contro la parola già rivelata da Dio. Sarebbe quindi tornato ad essere adoratore di Lucifero per invidia nei loro confronti, dopo aver già praticato per anni la magia prima di incontrarli. <br />
La preghiera degli apostoli avrebbe fatto sì che lo Spirito Santo ordinasse di abbandonarlo ai demoni che invisibilmente lo sostenevano durante le sue esibizioni prodigiose, facendolo cadere a terra e morire davanti a tutti.
 
In senso (religioso) teologico cristiano, il Prossimo è invece qualsiasi essere umano, anche tradizionalmente un nemico, verso cui esprimere la ''caritas'' additata come dovere da [[Gesù]], spiegata nel [[Vangelo]] con la [[parabola del buon samaritano]]; il prossimo è colui che nell'immediato (temporalmente né prima né poi), per incontro o per relazione, ci elargisce il suo aiuto (il Samaritano è il prossimo del suo nemico Israelitico che aveva incontrato i briganti e che malgrado l'inimicizia storica tra Israeliti e Samaritani, lo soccorre, lo cura e lo affida a un terzo, pagando le spese dello sventurato che era stato ferito).
 
== Altri progetti ==
6 762

contributi