Differenze tra le versioni di "Ministero della difesa"

nessun oggetto della modifica
(Aggiorno)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
 
Il '''Ministero della difesa''' è il [[dicastero]] del [[governo della Repubblica Italiana|governo italiano]] preposto alle [[Forze Armate Italiane]] ed all'amministrazione civile della [[Difesa (politica)|difesa]] quale massima istituzione gerarchico e disciplinare in ambito [[militare]].
La sede è [[Palazzo Baracchini]] che si trova a [[Roma]] in [[Via Venti Settembre (Roma)|via Venti Settembre]], 8. L'attuale [[Ministri della difesa della Repubblica Italiana|ministro della difesa]] è [[Elisabetta Trenta]].
 
Inizialmente nato come Ministero della guerra, fu ribattezzato Ministero della Difesa, accorpando anche i pre-esistenti [[Ministeri del governo italiano soppressi o accorpati|Ministero della Marina]] e [[Ministeri del governo italiano soppressi o accorpati|Ministero dell'Aeronautica]], dopo la fine della [[seconda guerra mondiale]] (1939-1945), col [[governo De Gasperi III]] (02/02/1947-01/06/1947). Il primo Ministro della difesa fu [[Luigi Gasparotto]], succeduto a [[Cipriano Facchinetti]], ultimo [[Ministri della guerra del Regno d'Italia|Ministro della guerra]].
La sede è [[Palazzo Baracchini]] che si trova a [[Roma]] in [[Via Venti Settembre (Roma)|via Venti Settembre]], 8. L'attuale [[Ministri della difesa della Repubblica Italiana|ministro della difesa]] è [[Elisabetta Trenta]].
 
L'attuale [[Ministri della difesa della Repubblica Italiana|ministro della difesa]] è [[Lorenzo Guerini]].
Inizialmente nato come Ministero della guerra, fu ribattezzato Ministero della Difesa, accorpando anche i pre-esistenti [[Ministeri del governo italiano soppressi o accorpati|Ministero della Marina]] e [[Ministeri del governo italiano soppressi o accorpati|Ministero dell'Aeronautica]], dopo la fine della [[seconda guerra mondiale]] (1939-1945), col [[governo De Gasperi III]] (02/02/1947-01/06/1947).
 
Il primo Ministro della difesa fu [[Luigi Gasparotto]], succeduto a [[Cipriano Facchinetti]], ultimo [[Ministri della guerra del Regno d'Italia|Ministro della guerra]].
 
== Cenni storici ==
Utente anonimo