Piastrina: differenze tra le versioni

2 480 byte rimossi ,  2 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 93.70.81.174 (discussione), riportata alla versione precedente di Pil56-bot)
Etichetta: Rollback
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Le piastrine, come anche i [[Eritrocita|globuli rossi]], sono dei corpuscoli "usa e getta" perché si logorano molto in fretta e, terminato il loro compito, vengono distrutte.
 
=io spy elsa regina dei ghiacci tu vedi questi tu non avrai mai questi
==Caratteristiche==
Le piastrine sono dei corpuscoli privi di nucleo prodotti a livello del [[midollo osseo]] e derivati dalla frammentazione di precursori midollari chiamati [[megacariociti]]. I megacariociti si formano da cellule staminali, che subiscono una divisione ripetuta del nucleo cellulare (''cariochinesis''), non seguita dalla [[citodieresi]] (la frammentazione del citoplasma e della membrana cellulare). Di seguito, il citoplasma attorno al ''megacarion'' inizia una gemmazione producendo le piastrine, che maturano nel circolo sanguigno.
 
Le piastrine sono presenti nel sangue circolante in un numero che va da 150.000 a 400.000 per mm³ di sangue ed hanno una vita media di 5–9 (anche 10) giorni: questo numero può tuttavia variare anche significativamente in condizioni fisiologiche particolari, come per esempio nell'esercizio fisico.
Non essendo cellule, sono prive di [[Nucleo cellulare|nucleo]], ma possiedono granuli, molti organuli citoplasmatici ed RNA. Sono di forma tondeggiante oppure ovale di circa 2-4&nbsp;µm<ref>{{cita libro
| cognome = Campbell| nome = Neil A.| titolo = Biology| ed = 8| anno = 2008| editore = Pearson Education| città = Londra| ISBN = 978-0-321-53616-7| pagine = 912| lingua = inglese| citazione = Platelets are pinched-off cytoplasmic fragments of specialized bone marrow cells. They are about 2–3µm in diameter and have no nuclei. Platelets serve both structural and molecular functions in blood clotting.}}</ref>.
 
Al microscopio ottico presentano due zone distinte: una centrale granulare (''granomero'') e una zona periferica quasi ialina (''ialomero''). All'interno del [[citoplasma]] presentano in particolare [[actina]], che può presentarsi in forma [[polimero|polimerica]] (come microfilamenti), complessata con la profilina o anche in forma globulare.
 
Morfologicamente nelle piastrine sono rilevabili granuli, suddivisi in tre tipi:
* Granuli α: poco opachi e molto numerosi, contenenti [[fibrinogeno]], [[fattore di von Willebrand|fattore von Willebrand]], [[fattore V]], [[fibronectina]], [[Fattore piastrinico 4|fattore quarto piastrinico]], la [[trombospondina]] e fattori di crescita (ad esempio [[Fattore di crescita derivato dalle piastrine|PDGF]], [[TGF beta]])
* Granuli densi o δ (risultano maggiormente elettrondensi in microscopia elettronica): [[Istamina]], [[Serotonina]], [[Calcio (elemento chimico)|Ca<sup>2+</sup>]], [[Adenosina difosfato|ADP]] e [[Adenosina trifosfato|ATP]].
* Granuli lisosomiali o λ: contengono [[idrolasi]] lisosomiali e [[perossisomi]].
 
== Emostasi ==
Utente anonimo