Differenze tra le versioni di "Loghion di Freer"

m
nessun oggetto della modifica
m
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
 
 
== Testo originale ==
Il loghion di Freer è inserito dopo il versetto 14 dell'ultimo capitolo del vangelo (cioè dopo Mc {{Passo biblico|Mc|16:14}}); e contiene una giustificazione degli [[Dodici apostoli|Apostoli]] di fronte al rimprovero di [[Gesù]] per la loro incredulità, ea lacui segue una risposta di [[Cristo]] sulla fine del dominio di [[Satana]] e il significato della propria [[Crocifissione di Gesù|morte]] e [[risurrezione]]. Il testo greco, stando all'apparato critico della ventottesima edizione del [[Novum Testamentum Graece]], è:
<blockquote>
κἀκεῖνοι ἀπελογοῦντο λέγοντες ὅτι ὁ αἰὼν οὗτος τῆς ἀνομίας καὶ τῆς ἀπιστίας ὑπὸ τὸν σατανᾶν ἐστιν, ὁ μὴ ἐῶν τὰ (= τὸν μὴ ἐῶντα?) ὑπὸ τῶν πνευμάτων ἀκάθαρτα (= ἀκαθάρτων?) τὴν ἀλήθειαν τοῦ θεοῦ καταλαβέσθαι (+ καὶ ''vel'' ἀληθίνην ''pro'' ἀλήθειαν) δύναμιν. διὰ τοῦτο ἀποκάλυψόν σου τὴν δικαιοσύνην ἤδη, ἐκεῖνοι ἔλεγον τῷ χριστῷ. καὶ ὁ χριστὸς ἐκείνοις προσέλεγεν ὅτι πεπλήρωται ὁ ὅρος τῶν ἐτῶν τῆς ἐξουσίας τοῦ σατανᾶ, ἀλλὰ ἐγγίζει ἄλλα δεῖνα, καὶ ὑπὲρ ὣν ἐγὼ ἁμαρτησάντων παρεδόθην εἰς θανατὸν ἵνα ὑποστρέψωσιν εἰς τὴν ἀλήθειαν καὶ μηκέτι ἁμαρτήσωσιν ἵνα τὴν ἐν τῷ οὐρανῷ πνευματικὴν καὶ ἄφθαρτον τῆς δικαιοσύνης δόξαν κληρονομήσωσιν.<ref name="ref_A">Nestle-Aland, ''[[Novum Testamentum Graece]]'', 28th edition, p. 176.</ref>
193

contributi