Differenze tra le versioni di "Giovanni di Dio"

nessun oggetto della modifica
 
== Biografia ==
All'età di 8 anni, assieme a un chierico si allontanò dalla casa paterna e giunse in Spagna, dove ada [[Oropesa]] ([[Toledo]]) fu accolto dalla famiglia di Francisco Cid, detto “el Mayoral”.
 
AdA Oropesa trascorse gran parte della sua vita. Fino a 27 anni Juan si dedicò alla pastorizia, poi si arruolò, partecipando come soldato a due battaglie, una prima a [[Pavia]] dalla parte di [[Carlo V d'Asburgo|Carlo V]] contro [[Francesco I di Francia|Francesco I]] e successivamente contro i [[Impero ottomano|Turchi]], a [[Vienna]].
 
Finita la vita militare, finché ebbe soldi vagò per mezza [[Europa]], giungendo fino in [[Africa]] a fare il bracciante e poi fece il venditore ambulante a [[Gibilterra]]. Infine, nel [[1537]] si stabilì a [[Granada]] e aprì una piccola libreria. Avvertiva già da tempo una grande [[vocazione]] per [[Gesù]] nell'assistenza dei poveri e dei malati, ma fu allora che Giovanni mutò radicalmente indirizzo alla propria vita, in seguito a una predica di [[Giovanni d'Avila]].
 
== Canonizzazione ==
La sua fama si sparse in fretta e fu canonizzato nel [[1690]] da [[Papapapa Alessandro VIII]]. [[Papa Leone XIII]] nel [[1886]] lo dichiarò patrono degli ospedali e di quanti operano per restituire la salute agli infermi assieme a [[Sansan Camillo de Lellis]]. [[Papa Pio XI]], il 28 agosto [[1930]], lo proclamò, sempre insieme con Camillo de Lellis, "Patrono degli infermieri".
 
== Bibliografia ==
[[File:Sao Joao de Deus.JPG|thumb|Statua di San Giovanni di Dio a Vilar de Frades, Barcelos, Portogallo.]]
* [[Piero Bargellini]], ''Un Santo al Giorno''
* Redrado José L., ''San Giovanni di Dio'', Elledici, 2007
Utente anonimo