Differenze tra le versioni di "Piroelettricità"

m
ricorretto errore dopo controllo sulla voce inglese
m (Ho usata le unità del sistema internazionale per p)
m (ricorretto errore dopo controllo sulla voce inglese)
</math>
dove <math>p</math> è il coefficiente piroelettrico, <math>\vec P</math> è il vettore polarizzazione, <math>S</math> è la superficie normale al vettore stesso.
Nel [[sistema internazionale]] <math>p</math> si misura in mCm<sup>−2</sup>K<sup>−1</sup>.
 
Il coefficiente totale piroelettrico misurato a sforzo costante è la somma del coefficiente piroelettrico a deformazione costante (effetto primario piroelettrico) e il contributo piezoelettrico dovuto alla dilatazione termica (effetto secondario piroelettrico). Sotto circostanze normali, anche i materiali polari non hanno un momento di dipolo elettrico netto a differenza del dipolo magnetico proprio dei magneti permanenti. Ciò avviene in quanto le cariche libere che si formano sulla superficie sono nel tempo neutralizzate o dalle cariche libere dell'atmosfera o dalla [[conduttività elettrica]] del materiale che non è mai nulla. Quindi i cristalli polari rivelano la loro natura quando in qualche maniera viene perturbato lo stato in maniera momentanea e quindi si generano delle cariche superficiali temporanee.
1 025

contributi