Differenze tra le versioni di "Regia Scuola Superiore Navale di Genova"

m
Bot: stile dei numeri e modifiche minori
(Sto cercando di "disorfanizzare" la pagina e, dato che mi diceva che non esiste, ho provato a togliere l'avviso prima.)
Etichette: Ripristino manuale Modifica visuale
m (Bot: stile dei numeri e modifiche minori)
 
== La storia ==
Il progetto di costituire a Genova una Regia Scuola Superiore Navale prende le mosse al principio del 1869, allorché il Governo incarica i tre Ministeri dell’Agricoltura Industria e Commercio, della Marina e dell’Istruzione di formare una Commissione che si occupi del riordinamento degli studi. Da questa Commissione, infatti, parte la proposta di stabilire un insegnamento superiore per gli ingegneri navali.
 
Fino ad allora le costruzioni navali, con scafi in legno e a propulsione eolica, erano affidate ad artigiani esperti che si tramandavano quest’arte operando in cantieri allestiti provvisoriamente sulle spiagge. Le trasformazioni, dalla vela al vapore e dal legno all’acciaio, tuttavia, rendevano necessaria una formazione professionale specifica, basata su teorie e tecniche scientifiche consolidate.
La Regia Scuola Superiore Navale resterà sotto la vigilanza del Ministero dell’Agricoltura, Industria e Commercio (MAIC) fino al 1904 quando, con R. Decreto 1 dicembre, passa sotto il Ministero dell’Istruzione. Viene inclusa nell’elenco degli Istituti Superiori con legge 19 luglio 1909, n. 496.
 
Il R. Decreto legislativo 30 settembre 1923, n. 2102, parte della [[Riforma Gentile]] sull’ordinamento degli Istituti superiori contempla, per la città di Genova, una Regia Scuola di Ingegneria Navale, come continuazione della Regia Scuola Superiore Navale, e le assegna 150mila150.000 lire annue sul bilancio del Ministero dell'Istruzione e 30mila30.000 lire annue su quello del Ministero della Marina. Gli enti locali dichiarano che contribuiranno: il Comune con 250mila250.000 lire annue più l’uso di una sede conveniente per la quale provvederà alle spese di manutenzione, arredamento, luce, acqua e riscaldamento; la Provincia con 125mila125.000 lire annue e prestazione gratuita del servizio di cassa; la Camera di Commercio con 62500 lire annue. La Convenzione costitutiva della R. Scuola d'Ingegneria Navale, stipulata presso la R. Prefettura di Genova il 10 novembre 1924 e approvata con R. D. 30 novembre 1924, n. 2055 reca anche la firma dell'allora Direttore della Scuola [[Angelo Scribanti]], che presenta l’Inventario dei materiali esistenti presso la sede della Scuola al 30 settembre 1924 e il Conto consuntivo alla stessa data, documenti che vengono allegati all'atto.
 
La Regia Scuola d’Ingegneria Navale rimane ente autonomo fino al 1935 quando viene annessa all’Università, dando origine alla Facoltà di Ingegneria.
3 237 714

contributi