Differenze tra le versioni di "Sclerosi multipla"

m
Annullate le modifiche di Ros-Fos (discussione), riportata alla versione precedente di InternetArchiveBot
m (Annullate le modifiche di Ros-Fos (discussione), riportata alla versione precedente di InternetArchiveBot)
Etichetta: Rollback
Gli antiossidanti comunemente impiegati comprendono il [[selenio]] e le [[vitamina A|vitamine A]], [[vitamina C|C]] ed [[vitamina E|E]]. Altri componenti appartenenti alla categoria degli antiossidanti sono l'[[acido lipoico]]<ref>{{Cita pubblicazione | cognome = Marracci | nome = GH. | coautori = RE. Jones; GP. McKeon; DN. Bourdette | titolo = Alpha lipoic acid inhibits T cell migration into the spinal cord and suppresses and treats experimental autoimmune encephalomyelitis. | rivista = J Neuroimmunol | volume = 131 | numero = 1-2 | pp = 104-14 | mese=ottobre| anno = 2002 | pmid = 12458042 }}</ref>, l'[[inosina]], l'[[acido urico]], il [[Coenzima Q|coenzima Q-10]].<ref name="antiossidanti"/>
 
Tuttavia, molti componenti antiossidanti attivano cellule immunitarie quali, in primo luogo, i [[linfociti T]] e i [[macrofagi]]. Tali cellule sono già eccessivamente attive nella malattia e la loro stimolazione potrebbe potenzialmente aggravarla.<ref name="imsb"/> Secondo l'''International Medical and Scientific Board'' (IMSB), vi è un'evidenza sperimentale e teorica per cui gli antiossidanti potrebbero avere significato terapeutico nella sclerosi multipla. NonostanteD'altro canto non cisono sianostati condotti studi sufficienticlinici ben definiti che indichino se gli antiossidanti siano in realtà sicuri ed efficaci nella malattia.<ref name="imsb">{{cita web|url=http://www.msif.org/en/resources/msif_resources/msif_publications/ms_the_guide_to_treatment_and_management/unconventional_therapies_and_ms/unconventional_therapies_relevant_to_ms/dietary_supplements/antioxidants.html|titolo=Antioxidants|editore=Multiple sclerosis - International federation|lingua=en|accesso=21 settembre 2012|urlmorto=sì}}</ref>, recenti ricerche, condotte da Pasquale Ferorelli, dimostrano che l'impiego di particolari modulatori enzimatici porterebbe a miglioramenti riguardanti i parametri antiossidanti e antinfiammatori dei pazienti affetti dalla patologia.<ref>{{Cita pubblicazione|nome=Pasquale|cognome=Ferorelli|nome2=Francesco|cognome2=Antonelli|nome3=Anna|cognome3=Shevchenko|data=2021-07-20|titolo=Reduction in Fatigue Symptoms Following the Administration of Nutritional Supplements in Patients with Multiple Sclerosis|rivista=Medical Sciences (Basel, Switzerland)|volume=9|numero=3|pp=52|accesso=2021-10-07|doi=10.3390/medsci9030052|url=https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34287336/}}</ref>
 
=== Terapie sintomatiche ===
60 190

contributi