Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{Politica Unione Europea}}
Il coordinamento in materia diLa '''cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale''' costituisce il cosiddetto "''[[Tre pilastri dell'Unione Europea|Terzo pilastro]]''" dell'Unione Europea,attraverso il quale gli Stati membri perseguono l'obiettivo di creare uno spazio europeo di libertà, di sicurezza e di giustizia all'interno dell'UE.
 
Fu creato nel [[1992]] con il [[Trattato di Maastricht]] con il nome di '''Giustiziagiustizia e affari interni''' (GAI): nel [[1999]] con il [[Trattato di Amsterdam]] trasferì le aree dell'immigrazione illegale, dei visti, dell'asilo e della cooperazione giudiziaria in materia civile nel primo pilastro (Comunità Europea). Dopo il 1999 si deve parlare quindi più propriamente di "''Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale''" poiché il termine "''Giustizia e Affari Interni''" si riferisce al terzo pilastro insieme ad alcune competenze del primo pilastro.
Il coordinamento in materia di '''cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale''' costituisce il cosiddetto "''[[Tre pilastri dell'Unione Europea|Terzo pilastro]]''" dell'Unione Europea,attraverso il quale gli Stati membri perseguono l'obiettivo di creare uno spazio europeo di libertà, di sicurezza e di giustizia all'interno dell'UE.
 
Fu creato nel [[1992]] con il [[Trattato di Maastricht]] con il nome di '''Giustizia e affari interni''' (GAI): nel [[1999]] con il [[Trattato di Amsterdam]] trasferì le aree dell'immigrazione illegale, dei visti, dell'asilo e della cooperazione giudiziaria in materia civile nel primo pilastro (Comunità Europea). Dopo il 1999 si deve parlare quindi più propriamente di "''Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale''" poiché il termine "''Giustizia e Affari Interni''" si riferisce al terzo pilastro insieme ad alcune competenze del primo pilastro.
 
Prima del Trattato di Maastricht gli stati membri cooperavano a livello intergovernativo in vari settori relativi al libero movimento e alla sicurezza personale, oltre che alla polizia giudiziaria. Con Maastricht la cooperazione in materia di Giustizia e affari interni voleva rafforzare le iniziative prese dagli stati membri con un approccio coerente per le azioni da intraprendere, offrendo una serie di azioni coordinate.
12 700

contributi