Differenze tra le versioni di "Marco Rancati"

nessun oggetto della modifica
Nel [[1981]] pubblica il 45 giri ''Freddo diamante/Tu violenza'', la cui facciata B, di Marco Zoccheddu (Musica), Gianni Greco (Parole) ([["G"]]) e [[Gianfranco Reverberi]], si segnala maggiormente per l'originalità e profondità del testo, in cui un giovane si rivolge direttamente alla violenza, le cui pulsioni lo assalgono.
 
Nel 1981/82 incide 'Sin ti vivir no sè'. La musica di Zoccheddu-Reverberi, fu inviata, dal discografico di Daniel Danielì, Sandro Coppola, della Delta e dell'Atlas record, all'autore Domenico Politanò, detto Mimmo, con la specifica richiesta di fare un testo in spagnolo che non tenesse in conto il testo italiano. Politanò creò così "Sin ti (vivir no sè)". La canzone divenne un successo in latinoamerica dove fu scelta come 'cortina' di una telenovela argentina che riscosse un grande successo. Ad oggi Zoccheddu e Politanò non hanno ancora ricevuto nessun diritto da parte della Sadaic Argentina.
Nella versione per [[Spagna]] e [[Argentina]] {{CN|il testo viene completamente snaturato da uno pseudo-traduttore e trasformato in una melensa e stucchevole melopea sentimentaloide ("Sin ti vivir no sé"), che ne diminuisce notevolmente il valore}}. La canzone tuttavia dà il titolo al 33 giri che la contiene, insieme ad altri pezzi di Zoccheddu-Greco-Reverberi, quali ''Ciao, come stai?'' (''Hola! Como estas?'') e ''Lei, lei'' (''Brindale dai'').
 
Il brano "Sin ti vivir no sè" viene scelto come sigla e cortina di una telenovela argentina che riscuote un grande successo per alcuni anni. L'autore del testo viene premiato per il successo ottenuto. Ad oggi Zoccheddu e Politanò non hanno ancora ricevuto nessun diritto da parte della SIAE Argentina.
 
Nel [[1982]] viene pubblicato il 45 giri ''Ok ok/Sei tutto quello che vorrei''.
Utente anonimo