Fresatura (agricoltura): differenze tra le versioni

La fresatura si propone come uno degli interventi più efficaci nelle tecniche di ''[[minimum tillage]]'' in quanto è in grado di preparare il letto di semina in un solo passaggio senza richiedere altre operazioni se non, eventualmente, una rullatura prima della semina. In particolare si rivela utile per preparare il letto di semina delle colture intercalari perché permette di snellire sensibilmente i tempi se eseguita come lavorazione superficiale.
 
In [[arboricoltura]] e in [[viticoltura]] è una delle lavorazioni più frequenti che hanno sostituito del tutto l'[[aratura]]. La lavorazione è superficiale, limitata ai primi 10-15 cm, con gli stessi scopi della [[sarchiatura]] (controllo delle piante infestanti e rottura della risalita capillare dell'acqua). La lavorazione dell'interfila si può effettuare con zappatrici rotative di adeguata larghezza. La lavorazione sui filari richiede invece l'impiego di zappatrici munite di tastatore e di dispositivo di scarto laterale. Queste macchine operano parallelamente alla direzione di avanzamento del trattore e rientrano lateralmente quando il dispositivo tastatore incontra un ostacolo. In questo modo sono in grado di lavorare una fascia lungo il filare evitando i fusti degli alberi e i pali di sostegno.
 
==Pregi e difetti==
Utente anonimo