Sesquialtera: differenze tra le versioni

== Composizione ==
Il nome sembra essere la contrazione della frase latina ''Sexta quintae altera'': "l'altra [nota] [è] la sesta della quinta". La nota che la caratterizza è il "mi" (per intenderci rispetto a un "do"), cioè una terza rispetto alla fondamentale. Tale fila che può essere anche singola, di solito è in XVII.
Nella maggior parte dei casi la sesquialtera si compone di due file di canne XII - XVII (generalmente appartenenti alla famiglia dei principali, ma non solo): rispettivamente una quinta ed una terza rispetto al suono fondamentale appunto. In organi di grandi dimensioni lo si trova anche di 3 o 4 file, con la quinta e la terza raddoppiate: a tal proposito si veda, a titolo di esempio, la disposizione fonica dell'organo Muller (1738) della chiesa di San Bavone ad Haarlem (OlandaPaesi Bassi).
 
== Utilizzo ==
Utente anonimo