Autogoverno: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
L'Italia ha ratificato la "Carta delle Autonomie Locali" del Consiglio d'Europa con la legge LEGGE 30 DICEMBRE 1989, n. 439 (GU n. 017 SUPPL.ORD. del 22/01/1990) - vedi http://www.italgiure.giustizia.it/nir/lexs/1989/lexs_308599.html
 
Il principio di autogoverno attualmente è riconosciuto di fatto, anche nei loro alcuni [[statuto|statuti]], alle [[Regione|Regioni]] e alle [[provincia|province]] a [[statuto speciale]].
 
Per esempio le norme di trattamento dei dipendenti sono particolari nella regione siciliana[[Sicilia]], e nelle [[provincia di Trento|province di Trento]] e [[Provincia di Bolzano|Bolzano]], con trattamenti economici del tutto differenti dagli altri enti regionali e provinciali.
 
Il pieno autogoverno è riconosciuto anche dall'art.2 della L.cost.n.340 del 1971 (statuto Regione del [[Veneto]]) che dice "L'autogoverno del popolo veneto si attua in forme rispondenti alle caratteristiche e tradizioni della sua storia.". Seppure quest'ultimo è tuttavia inapplicato, una recente [http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp?n=56&c=3&p=56&e=60&t=0&key=1298 interrogazione consiliare alla giunta regionale] ne ha ribadito la validità.
 
In [[Italia]], una forma storica di autogoverno, seppure parziale, è il [[Consiglio Superiore della Magistratura]] (CSM), che è l'organo di autogoverno della [[Magistratura]]. Esso decide sui procedimenti disciplinari dei [[magistrato|magistrati]]. È un autogoverno parziale in quanto il CSM è composto solo in parte da magistrati.
Utente anonimo