Sarnath: differenze tra le versioni

m
Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori
m (migrazione automatica di 29 collegamenti interwiki a Wikidata, d:q324394)
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
|Didascalia mappa =
|Sito =
}}
{{LuoghiBuddha}}
'''Sarnath''' ([[ISO 15919]] '''Sārnāth''', anticamente '''Isipathana''' o '''Isipatana''') è una località dell'[[India]] posta nella parte orientale dello [[stati e territori dell'India|stato federato]] dell'[[Uttar Pradesh]], a circa dieci chilometri a nord del centro cittadino di [[Varanasi]], situata a 25° 22' 28 N e 83° 01' 20 E<ref>{{cita web|autore=Google Maps|lingua=en|url=http://maps.google.com/maps?f=q&source=s_q&hl=it&geocode=&q=Sarnath,+Uttar+Pradesh,+India&sll=37.0625,-95.677068&sspn=36.863178,56.337891&ie=UTF8&ei=c55GSqr5JsLGsga43smkBg&cd=1&cid=25381111,83021385,18177783168041669296&li=lmd&ll=25.37443,83.022223&spn=0.038698,0.086346&z=14|titolo=Sarnath, Uttar Pradesh, India|accesso=28-06-2009}}</ref>. Sarnath è nota per essere stata il luogo della prima predicazione del [[Gautama Buddha|Buddha]] ed è formata da una serie di edifici di interesse storico-religioso.
Durante il regno di [[Ashoka]] a Sarnath fu costruita una serie di edifici religiosi ([[stupa]], monasteri, templi, scuole) e anche una colonna che commemorava il sermone del Buddha, rappresentante quattro leoni che sorreggono la [[Dharmacakra|ruota del Dharma]]<ref>Wolpert, p. 71.</ref>, attualmente utilizzato come stemma dell'India.
 
Il [[3 luglio]] [[1998]] il [[governo dell'India]] ha proposto all'[[UNESCO]] l'inclusione di Sarnath nella [[lista dei patrimoni dell'umanità]]<ref>{{cita web|autore=UNESCO|url=http://whc.unesco.org/en/tentativelists/1096/|titolo=Ancient Buddhist Site, Sarnath, Varanasi, Uttar Pradesh|accesso=29-06-2009}}</ref>
 
==Monumenti e luoghi d'interesse==
<references/>
 
==Bibliografia==
* AA. VV., ''India del Nord'', Milano, Touring Editore, 2007, ISBN 978-88-365-4036-5.
* Stanley Wolpert, ''Storia dell'India'', Milano, RCS Libri, 1998, ISBN 88-452-4636-1.
3 379 460

contributi