Apri il menu principale

Modifiche

 
==Il progetto di Iguala==
Seguendo la propria ambizione, Iturbide tenne una relazione epistolare e poi si s'incontrò col generale a capo degli insorti, che avrebbe dovuto combattere, Vicente Guerrero, il (10 febbraio [[1821]]). I due decisero di dichiarare l'indipendenza del Messico. Questo decisione fu comunicata il 2 marzo [[1821]], nella città di [[Iguala]], nell'odierno stato di [[Guerrero]].
 
L'accordo fu noto col nome di ''[[Plan de Iguala]]''. Invitava il viceré Juan Ruiz de Apodaca a diventare la guida del movimento indipendentista. Il viceré rifiutò l'offerta, e dichiarò Iturbide traditore e fuorilegge. Spedì truppe contro di lui, ma le truppe si ribellavano, unendosi ad Iturbide. Il tenente colonnello [[Antonio López de Santa Anna]] aderì al Plan de Iguala, a [[Japala]], il 29 maggio [[1821]].
Seguendo la propria ambizione, Iturbide tenne una relazione epistolare e poi si incontrò col generale a capo degli insorti che avrebbe dovuto combattere, Vicente Guerrero (10 febbraio [[1821]]). I due decisero di dichiarare l'indipendenza del Messico. Questo decisione fu comunicata il 2 marzo [[1821]], nella città di [[Iguala]], nell'odierno stato di [[Guerrero]].
 
L'accordo fu noto col nome di ''[[Plan de Iguala]]''. Invitava il viceré Ruiz de Apodaca a diventare la guida del movimento indipendentista. Il viceré rifiutò l'offerta, e dichiarò Iturbide traditore e fuorilegge. Spedì truppe contro di lui, ma le truppe si ribellavano unendosi ad Iturbide. Il tenente colonnello [[Antonio López de Santa Anna]] aderì al Plan de Iguala a [[Japala]], il 29 maggio [[1821]].
 
==Lo spodestamento di Ruiz de Apodaca==
Utente anonimo