Differenze tra le versioni di "Cybill Shepherd"

Il suo debutto cinematografico a soli 22 anni in ''[[L'ultimo spettacolo]]'' del regista [[Peter Bogdanovich]] la lanciò come uno dei volti più freschi e promettenti del cinema degli [[anni 1970|anni settanta]]. Partecipò quindi a film di spessore come ''[[Daisy Miller (film)|Daisy Miller]]'' ([[1974]]) e ''[[Taxi Driver]]'' (che la consacrò come ''[[sex symbol]]'') di [[Martin Scorsese]] ma, attaccata dalla critica specialmente per la sua vita personale, si trovò ben presto nuovamente nell'ombra. ''[[Il mistero della signora scomparsa (film)|Il mistero della signora scomparsa]]'', rifacimento di un classico di [[Alfred Hitchcock]], accanto ad [[Angela Lansbury]] ed [[Elliott Gould]] non le diede il rilancio sperato.
 
L'occasione venne dalla [[televisione]] nel [[1985]] quando, accanto all'allora misconosciuto [[Bruce Willis]], impersonò una delle parti più amate dal pubblico americano e internazionale degli [[anni 1980|anni ottanta]], vestendo i panni di Miss Madelyn Hayes nella [[serie televisiva]] ''[[Moonlighting]]'' (capolavoro di [[Glenn Gordon Caron]]). Il fascino platinatopatinato da diva degli [[anni 1950|anni cinquanta]], la tempra, il carattere e le indiscusse doti artistiche della Shepherd le valsero due [[Golden Globe]] come miglior attrice in un serial TV, una nomination agli [[Emmy Awards]] e una più forte consacrazione come membro dello ''star system'' [[hollywood]]iano. Nondimeno il suo destino parve sempre più quello di accompagnare altri al successo che di goderne lei stessa. Dopo [[Jeff Bridges]], [[Robert De Niro]] anche [[Bruce Willis]] vide aprirsi, più della sua partner, le porte della fama planetaria.
 
La stessa cosa si ripeté nel [[1989]], anno in cui girò accanto a [[Ryan O'Neal]] la commedia ''[[Uno strano caso]]'' punto di partenza per [[Robert Downey Jr.]]. Qualche passo falso (il film targato Disney, ''Once upon a crime'' e alcuni film drammatici per la tv) rischiò di segnarla nuovamente nonostante la partecipazione a pellicole impegnate come ''[[Alice (film 1990)|Alice]]'' ([[1990]]) di [[Woody Allen]] e i suoi camei in ''The Muse'' accanto a [[Sharon Stone]] ed ''[[Erin Brockovich]]'' con [[Julia Roberts]]. Fu tuttavia ancora una volta la televisione a tributarle un nuovo trionfo: la sua interpretazione autobiografica e autoironica di una star sulla cinquantina in cerca di riscatto in ''[[Cybill]]'' le permise infatti la conquista di un terzo [[Golden Globe]] ([[1995]]).
Utente anonimo