Differenze tra le versioni di "Oreste (Alfieri)"

1 272 byte aggiunti ,  14 anni fa
integrato parte del testo
m
(integrato parte del testo)
{{Stub|teatro}}
'''Oreste''' è una tragedia mitologica scritta da [[Vittorio Alfieri]] nel [[1783]]. del cosiddetto “ciclo di Tebe”
 
La vicenda è la continuazione di Agamennone.
====Trama====
 
Il mito Oréstes, con furia cieca, uccide la madre colpevole di aver ucciso il marito [[Agamennone]].<br>
====Trama====
Perseguitato dalle furie per essersi macchiato del sangue materno, viene assolto dal tribunale di [[Atene]] Areopago.
Il mitologico ''Oréstes'', con la complicità della sorella [[Elettra]] e dell’amico [[Pilade]], con furia cieca uccide [[Egisto]], l’amante della madre, assassino del padre [[Agamennone]]. Ma nel furore della vendetta, [[Oreste]] uccide anche la madre.
 
{{quote|ELETTRA: Deh! parla:Clitennestra dov'è?<br>
ORESTE: Lasciala; or forse al traditor marito ella arde il rogo.<br>PILADE:Piú che compiuta hai la vendetta, or vieni; non cercar oltre...<br>ORESTE:Oh! che di' tu?...<br>ELETTRA:La madre ti ridomando, Pilade. - Oh, qual m'entra gel nelle vene!<br>PILADE:Il cielo...<br>ELETTRA:Ah! spenta forse...<br>ORESTE:Volte in se stessa infuriata ha l'armi?...<br>ELETTRA:Pilade; oimè!... tu non rispondi?<br>ORESTE:Narra;che fu?<br>PILADE:Trafitta...<br>ORESTE:E da qual mano?<br>PILADE:Ah! vieni...<br>ELETTRA:Tu la uccidesti.<br>ORESTE:Io parricida?...<br>PILADE:Il ferro vibrasti in lei, senza avvederten, cieco d'ira, correndo a Egisto incontro...<br>ORESTE:Oh quale orror mi prende! Io parricida? - Il brando,Pilade, dammi: io 'l vo'...<br>PILADE:Non fia.<br>ELETTRA:Fratello...<br>PILADE:Misero Oreste!|Dall'ultima scena}}
 
===Curiosità===
Alfieri non mette in scena l'uccisione della madre, ancora considerato divieto visivo, così come ne [[La congiura de' Pazzi (Alfieri)|La Congiura de'Pazzi]] e [[Bruto primo (Alfieri)|Bruto primo]].
 
===Bibliografia===
Tragedie, Vittorio Alfieri, Sansoni, 1985
 
[[Categoria:Opere teatrali di Alfieri]]
1 874

contributi