Integrazione (scienze sociali): differenze tra le versioni

m
Annullate le modifiche di 5.170.79.198 (discussione), riportata alla versione precedente di Xangar
(nientw)
Etichette: Modifica visuale Possibile modifica di prova o impropria
m (Annullate le modifiche di 5.170.79.198 (discussione), riportata alla versione precedente di Xangar)
A livello individuale, questa consapevolezza si esplica nel riconoscimento della necessità di una regolazione della vita sociale dal punto di vista economico, legislativo, culturale, ecc. ovvero di una disciplina generalmente accettata riguardante i rapporti tra individui e tra gruppi in ciascuno di questi ambiti specifici.
 
== Carenza di integrazione ciao ==
Le situazioni di carenza o mancanza di integrazione sono definite da Durkheim di [[anomia]], fenomeno consistente nel declino che può sfociare nella scomparsa di regole morali generalmente accettate, causato da un mutamento nelle condizioni materiali di esistenza di determinati [[gruppo sociale|gruppi sociali]] cui non corrisponde, o corrisponde in modo non esaustivo, un cambiamento normativo che le sancisca da un punto di vista culturale.<br>
Durkheim include tra le circostanze potenzialmente responsabili del verificarsi di situazioni anomiche i momenti di "effervescenza collettiva", in cui la produzione culturale di una società aumenta di intensità e di problematicità, con fenomeni quali l'emersione di nuove tendenze religiose, nuove "visioni del mondo" che possono sfociare nella formazione di movimenti sociali e politici, esigenze di senso inedite. Questi processi, latori nel breve periodo di situazioni di anomia e conseguente instabilità sociale, possono essere soggetti ad [[istituzionalizzazione]] attraverso un processo di generalizzazione, codificazione ed accettazione delle loro istanze, che vengono acquisite dal senso comune e si integrano nelle dinamiche di integrazione sociale descritte in precedenza.
170 880

contributi